Gennaio 17, 2022

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

“Voce della Germania”: un candidato che viola i valori

Il programma Voice of Germany ha dovuto espellere un candidato per violazione dei valori. Ecco cosa ha detto l’allenatore Sarah Connor a riguardo.

Le basi in breve

  • Il candidato Anwar è stato licenziato.
  • Si dice che il cantante abbia violato i valori dello spettacolo.
  • Così Sarah Connor ha commentato la questione.

The Voice of Germany ha scritto: “Se torni esattamente con la squadra di Sarah stasera, scoprirai presto che la squadra di Sarah è un po’ più piccola di quanto non fosse alla fine dei combattimenti”. Instagram.

Anwar non dovrebbe più far parte del partito. Quando Anwar “Sabato 1”ProSieben“E la società di produzione audio Bildergarten ha deciso che non può competere oggi”, ha dichiarato lo spettacolo. La causa esatta non è stata rivelata.

Alla fine si è detto solo: “Dobbiamo togliere Anwar dalla competizione. perché? Nel corso degli esercizi, ha ripetutamente violato i valori che The Voice rappresenta: giustizia e rispettosa interazione reciproca”.

“Voce della Germania”: Das Saget Sarah Connorge

dopodichè Mediatore Lena Greke ha parlato del licenziamento del cantante e l’allenatore Sarah Connor ha parlato.

“Mi dispiace così tanto per questo. Io sostengo tutto tranne questa cultura della cancellazione. Il 41enne ha continuato:

“Io sono con l’inclusione. Penso che quando qualcuno tratta gli altri in modo dispregiativo, ci sono dei motivi. Ecco perché ho avuto così tante discussioni intense con la mia squadra negli ultimi giorni”.

Lo stesso Anwar tace sulla situazione perché, secondo la sua stessa dichiarazione, ha firmato un contratto, il che significa che non gli è permesso dire nulla in questo momento.

Maggiori informazioni su questo argomento:

ProSieben Instagram Voice of Germany


READ  Le star mondiali cantano a settembre per la giustizia climatica, la vaccinazione e contro la povertà