Settembre 24, 2021

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Villaggi calabresi che offrono K 33K ai giovani che vanno in Italia

L’area della Calabria che costituisce la punta delle start-up italiane, i giovani, pagano 33.000 000 000 per andarci e avviare un’impresa per combattere il calo demografico, Dipartimento dello Sviluppo Economico della Calabria.

Il progetto pilota mira a ringiovanire le “zone interne” del sud Italia, che rischiano di essere chiuse, ha detto Gianluca Gallo, assessore regionale allo sviluppo agricolo ed economico, in una conferenza stampa a gennaio.

“Favorire lo spostamento di tanti cittadini e turisti provenienti da vaste aree consentirà la rinascita di piccoli borghi e il recupero di tutti i giovani calabresi che vogliono intraprendere un lavoro. Questa è una risposta sociale, ma da imprenditore vogliono rischiare o voglia di vivere una vita diversa. E questo è per le nostre piccole comunità. È un riflesso, è una grande voglia di continuare a vivere “, ha detto Gallo.

Con l’offerta 000 33.000, i richiedenti che desiderano trasferirsi in Calabria devono risiedervi per un massimo di tre anni. Pagare nuovi residenti non si diverte. I destinatari devono utilizzare i soldi per avviare un’attività in qualsiasi città e solo i minori di 40 anni possono presentare domanda.

I candidati ammessi devono recarsi in uno dei comuni situati in Calabria entro 90 giorni.

File – Veduta del Golfo di Priya a Murray da San Nicola Arcella, Calabria, Italia.

Relazionato: West Virginia paga K 12K per i lavoratori a lunga distanza

I villaggi che partecipano allo sforzo includono Civita, Samo, Pricacore, Iota, Boa, Cucurre, Albitona, Sant’Agata del Bianco, Santa Severina e San Donato de Ninea, secondo diversi resoconti dei media.

La Calabria non è l’unico luogo in Italia che attrae persone per prendere una nuova residenza.

READ  Dugo Travel Summit Dugo Italy, 19 - 23 luglio 2021 a Firenze, Italia, dà una spinta all'industria italiana dell'ospitalità e del turismo

In Sicilia, un’isola al largo della penisola italiana vicino alla Calabria, le case vengono vendute a $ 1 nel tentativo di attirare acquirenti e rinnovare l’area.

Castiglione de Cecilia si trova alle pendici del Monte Edna a Catania, vicino alla costa orientale dell’isola, e conta attualmente circa 900 case abbandonate in vendita a partire da 1 euro (21 1,21,). L’indipendente Annunciato. Metà delle case – fatiscenti – costano più di una rupia, il resto (sono in ottima forma), 8 4.830 e oltre sono elencate.

Lanciata a marzo, il sindaco ha affermato che l’iniziativa è unica nel valutare le condizioni delle case.

Relazionato: Working in Paradise: offre vantaggi ai lavoratori a lunga distanza che viaggiano nello stato delle Hawaii

“Abbiamo intrapreso uno studio approfondito che elenca ogni proprietà sulla base di mappe e dati catastali”, ha affermato il sindaco Antonino Camarta. Tutte le sfide sono disabilitate se c’è una guerra di offerte, tuttavia, un’unità andrà all’asta se c’è una forte domanda.

L’unica cattura? I proprietari di case fidati dovrebbero effettuare i lavori di ristrutturazione necessari entro i prossimi tre anni. Tuttavia, gli acquirenti coraggiosi possono fare molto meglio con i piani “superphone” locali che offrono agevolazioni fiscali per il rinnovo fino al 110%.

L’Italia non è sola nel suo tentativo di ripopolare i villaggi in declino. Il Giappone offre alle persone l’opportunità di acquistare una casa in campagna fino a $ 500.

In alcuni casi, regalano case gratuitamente. L’unica cattura? Devi essere pronto a vivere nella “casa stregata” di Architectural Digest Annunciato.

Non preoccuparti: le case non sono fantasmi, sono abbandonate. Si chiamano “Akiya”, una casa deserta o vacante in Giappone.

READ  Fruit Trading Online / Notizie singole Newsnet

Relazionato: Le case nel Giappone rurale si vendono per $ 500

Gli stranieri non sono esclusi dall’acquisto dell'”Akia”, ma Architectural Digest afferma che i costi di ristrutturazione e le varie norme edilizie potrebbero impedire alcune demolizioni e ridurre l’attrattiva per i cittadini non giapponesi.

Fornire incentivi in ​​denaro nel tentativo di rivitalizzare le piccole città non è un concetto nuovo. Alcuni stati degli Stati Uniti fanno lo stesso.

Con l’inizio dell’epidemia di COVID-19, molti americani hanno cercato di fuggire dalle città affollate poiché il lavoro a lunga distanza è diventato la nuova norma nel tentativo di prevenire la diffusione del virus mortale.

Le aree che hanno visto un potenziale di crescita negli Stati Uniti hanno iniziato a sfruttare l’occupazione in patria e ad offrire incentivi in ​​denaro a coloro che erano disposti a trasferirsi nelle loro città più piccole nel tentativo di stimolare la crescita economica.

Stati come West Virginia, Vermont e Hawaii hanno fornito incentivi in ​​denaro per i lavoratori a lunga distanza e contratti addolciti per incoraggiare i nuovi residenti a utilizzare la loro nuova casa ed esplorare l’ambiente circostante.

Relazionato: Organizzazione dell’Oklahoma che offre K 10K se vai a Tulsa per lavori a distanza

In West Virginia, i lavoratori non sono stati pagati solo 12 12.000 per trasferirsi a Mountain State, ma anche 10.000 dollari nel primo anno in una nuova città. I nuovi residenti riceveranno ulteriori $ 2.000 per un secondo anno di residenza nello stato.

Alcuni progetti si sono dimostrati popolari. Si dice che il nuovo programma di sovvenzioni per il trasferimento dei dipendenti del Vermont sia “abbonamento completo” nell’ottobre 2020.

READ  Gli incendi si sono diffusi in Grecia e in Italia mentre l'Unione europea intensificava le operazioni antincendio

Il rapporto è stato contribuito da Fox News, Stephanie Weaver e Austin Williams.