Novembre 27, 2021

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Vaccini corona inattivati: vantaggi e svantaggi dei nuovi vaccini

  • a partire dalPamela Doerhofer

    Chiudere

Uno studio ha confermato che i vaccini contro la corona morta sono meno efficaci. Ma queste carenze devono essere compensate. Ci sono anche vantaggi.

FRANCOFORTE – La politica di sinistra Sahra Wagenknecht e il calciatore Joshua Kimmich sono due esempi notevoli di persone che non si sono ancora opposte. Corona Fatti vaccinare, ma ripeti a te stesso di non rifiutare le vaccinazioni per principio. In Germania è scoppiata una polemica sui motivi alla base di questa situazione, che è probabile che Wagenknecht e Kimmich condividano con molti altri che non sono ancora stati vaccinati.

Viene spesso sollevato il dibattito sull’attesa dell’approvazione di un vaccino convenzionale basato sul principio “familiare”, spesso combinato con un riferimento alla novità dei vaccini genetici disponibili fino ad oggi in Germania. La contro-argomentazione è che questo nuovo tipo di vaccino è stato somministrato contemporaneamente milioni di volte in tutto il mondo.

Vaccini Corona Virus: i vaccini mortali sono stati usati in Cina per molto tempo

Allo stesso tempo, in molti altri paesi vengono utilizzati anche vaccini di tipo più convenzionale. Questi includono vaccini morti con agenti patogeni inattivati ​​e vaccini proteici basati su particelle proteiche virali prodotte in laboratorio. I vaccini dalla Cina, Coronavac da Sinovac e Vero da Sinopharm, così come il vaccino russo Covivac e l’India Covaxin funzionano con virus uccisi. I vaccini a base di proteine ​​già in uso sono il cubano Abdullah e Soprana 02. Da lunedì è stato approvato anche in Indonesia il vaccino proteico del produttore statunitense Novavax.

Nell’Unione Europea, in Gran Bretagna, negli USA e in Canada, ma anche in Australia e Nuova Zelanda, i classici vaccini contro il Covid non sono ancora stati immessi sul mercato, anche se nel prossimo futuro potrebbe arrivare un vaccino a base di proteine ​​di Novavax. In cantiere anche un vaccino proteico dell’azienda farmaceutica francese Sanofi. Poiché Vidprevtyn non era sufficientemente efficace negli anziani, Sanofi ha dovuto ripetere lo studio di Fase 2 e ha fatto marcia indietro, anche se l’Unione Europea aveva ordinato in anticipo grandi quantità di vaccino.

Vaccini morti contro il corona: cosa sappiamo finora

Cosa sappiamo dei vaccini Covid “più convenzionali”? In particolare, i classici vaccini inattivati ​​provenienti dalla Cina sono stati tra i primi vaccini corona. Mesi prima che le prime persone in Germania rilasciassero le loro armi per vaccini e vettori mRNA, milioni di cinesi sono stati immunizzati con il coronavirus inattivato. Questo è un principio che è stato provato e testato per decenni ed è anche usato per vaccinare contro il tetano, la pertosse o la difterite, tra gli altri. Tuttavia, all’epoca, si sapeva poco dei risultati dello studio, dell’effettiva efficacia, della sicurezza e dei potenziali effetti collaterali del primo vaccino contro il Covid-19.

Cosa sappiamo dei vaccini Covid “più convenzionali”?

© afp / Karen Ducey

Vaccini inattivati ​​dal virus corona: meno efficaci dei vaccini a RNA messaggero

Tuttavia, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha concesso l’approvazione di emergenza per il vaccino Sinovac e Sinopharm nella primavera del 2021. Lo sfondo era la speranza che questi vaccini potessero contenere l’epidemia nei paesi poveri. In effetti, i vaccini cinesi da allora sono stati utilizzati in più di cento paesi. Circa la metà delle persone vaccinate nel mondo ha ricevuto uno dei due vaccini.

READ  Gli antidepressivi SSRI sembrano migliorare le possibilità di sopravvivenza - Pratica clinica

Essendo l’unico vaccino fino ad oggi che contiene virus interi inattivati, il vaccino Sinovac ha subito un processo accelerato presso l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) dal maggio 2021. Non è ancora chiaro quando e se sarà approvato nell’Unione europea.

sondaggio

più di due terzi Dei partecipanti elencati come “scettici” nei confronti della politica tedesca sulla corona e un rapporto nel sondaggio Forsa ha affermato che la disponibilità di un vaccino “classico” aumenterebbe la loro volontà di vaccinarsi.

scansione rappresentativa È stato effettuato all’inizio di ottobre. Tra coloro che dicono di credere nella “dittatura di Corona”, la metà dà questa risposta. Anche tra gli intervistati che dubitavano dell’esistenza del virus, il 40% lo ha affermato. (fm)

Quanto all’entità della protezione offerta dai vaccini cinesi inattivati, non è facile da valutare. Quando il numero di infezioni in Cile è aumentato in primavera, c’erano sospetti che l’impatto potesse essere insufficiente. In questo paese sudamericano, la maggior parte delle persone è stata immunizzata con il vaccino Sinovac morto, una proporzione inferiore con il vaccino mRNA di Biontech/Pfizer.

Un articolo pubblicato su Nature a metà ottobre conferma l’assunto che i vaccini cinesi morti non siano efficaci quanto i vaccini mRNA. Nella prevenzione dell’infezione da Covid sintomatica, i valori riportati del 51 percento per Sinovac e del 79 per Sinopharm sono dietro a Biontech/Pfizer e Moderna di circa il 90 percento (ma non dietro al vaccino portatore di Astrazeneca, dove viene somministrato il 63 percento).

Vaccini corona: i vaccini inattivati ​​provocano risposte immunitarie più ampie, ma potrebbero essere più deboli

Alcuni studi hanno anche scoperto che i livelli di anticorpi neutralizzanti nei vaccini inattivati ​​cinesi sono inferiori e diminuiscono più rapidamente rispetto ai vaccini a mRNA. Tuttavia, l’epidemiologo Ben Cowling dell’Università di Hong Kong sottolinea che una diminuzione degli anticorpi non significa necessariamente una diminuzione della protezione immunitaria.

READ  Serbia: il cavernicolo Banta Petrovic (70 anni) vaccinato contro il Corona

Molti che stanno aspettando un vaccino più convenzionale possono associarlo alla speranza di una “reattività” inferiore. In effetti, si è parlato poco di reazioni vaccinali violente e di gravi effetti collaterali come la trombosi del seno o la miocardite. Tuttavia, uno studio pubblicato su The Lancet ha mostrato che il vaccino morto di Sinovac più spesso del vaccino mRNA di Biontech/Pfizer – anche se molto raramente – porta alla paralisi di Bell, una paralisi per lo più reversibile del nervo facciale causata da virus, ma può anche portare alla paralisi di Bell. a causa delle vaccinazioni.

Anche in Europa è in fase di sviluppo un classico vaccino inattivato con virus interi inattivati. Il produttore è l’azienda austro-francese Valneva, che ha riportato risultati positivi da uno studio di fase 3 relativo all’approvazione del vaccino VLA2001 a metà ottobre. I vaccini con virus morti si basano sul principio dell’introduzione dell’intero agente patogeno nel corpo piuttosto che su un determinato blocco costitutivo: di conseguenza, il sistema immunitario forma anche anticorpi contro tutti i componenti. Questa è una differenza fondamentale non solo nei vaccini mRNA e vettore, ma anche nei vaccini a base di proteine ​​di Novavax o Sanofi, che si basano esclusivamente sulla proteina spike come antigene. Un’ampia risposta immunitaria potrebbe, almeno in teoria, essere un vantaggio rispetto ai vaccini incentrati su questa proteina se emergono nuove varianti con mutazioni nella proteina scheletrica. Uno svantaggio è che la risposta immunitaria ai virus inattivati ​​è ampia, ma spesso non robusta.

Vaccino corona: il vaccino Valneva può essere utilizzato anche come richiamo

Questo potrebbe essere il motivo della scarsa efficacia dei vaccini cinesi. Valneva vuole compensare ciò con un’alta densità di proteine ​​spike nei virus inattivati ​​e l’aggiunta di due catalizzatori: allume, che consiste in idrossido di alluminio, che viene spesso utilizzato per questo scopo, e CpG1018, una sostanza presente anche nell’epatite B. I vaccini includono.

READ  Perseidi: Incredibile spettacolo celeste! Dove vedrai la stella cadente - Astronomia

Secondo l’azienda, il vaccino, somministrato in due dosi a distanza di quattro settimane, avrebbe prodotto un potente anticorpo e un’ampia risposta dei linfociti T. Lo studio ha confrontato il vaccino con il vaccino vettore Astrazeneca. Secondo quanto riferito, Valneva ha prodotto valori superiori del 40% per gli anticorpi neutralizzanti. In termini di effetti collaterali, anche il vaccino inattivato si è comportato meglio, nonostante i due induttori aggiuntivi. Dice che “l’aspetto generale della tolleranza” è “notevolmente più favorevole”. Non dovrebbero mai verificarsi eventi gravi.

Vaccini corona: gli effetti collaterali dei vaccini morti sono rari

Con entrambi i vaccini, coloro che si sono infettati nonostante la vaccinazione e non hanno mai avuto un decorso grave raramente hanno manifestato sintomi simili. Tuttavia, va notato che il numero dei partecipanti era relativamente piccolo con un totale di circa 4000 adulti e 660 giovani adulti.

“Questo è un approccio molto più tradizionale alla produzione di vaccini rispetto ai vaccini precedentemente utilizzati nel Regno Unito, in Europa e in Nord America”, ha affermato il leader dello studio Adam Finn dell’Università di Bristol nel Regno Unito in una dichiarazione rilasciata da Valneva. I risultati hanno indicato che “questo vaccino candidato sta per svolgere un ruolo importante nella gestione dell’epidemia”.

Secondo l’amministratore delegato di Valneva Thomas Lingelbach, ciò significa che una “soluzione vaccinale alternativa” può essere offerta alle persone che non sono ancora state vaccinate. VLA2001 deve poter essere utilizzato anche come richiamo dopo la vaccinazione con un altro vaccino. La società prevede di testare presto il vaccino per i bambini dai cinque ai dodici anni. Valneva sta attualmente preparando una domanda di omologazione nell’Unione Europea, ma non c’è ancora nessun contratto per l’acquisto di un certo numero di lattine. (Pamela Doerhofer)