Dicembre 7, 2021

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Una possibile vaccinazione contro l’Alzheimer con un anticorpo monoclonale si è dimostrata efficace in un nuovo studio

Gli scienziati si sono sviluppati attraverso anticorpo monoclonale Un promettente vaccino contro il morbo di Alzheimer. Di conseguenza, questo è stato in grado di ridurre efficacemente i sintomi della malattia nei modelli murini. Inoltre, gli autori dello studio riportano l’identificazione di un nuovo sito su un sottotipo della proteina beta-amiloide. Ciò potrebbe consentire di indirizzare selettivamente la proteina con anticorpi o con un vaccino candidato sviluppato.

Un promettente vaccino contro l’Alzheimer è in preparazione

Un ricercatore sta sviluppando un vaccino contro l'Alzheimer in vitro utilizzando anticorpi monoclonali

La proteina beta amiloide si presenta in molte forme diverse nel cervello. Secondo i ricercatori, il targeting selettivo di tale sottotipo ha il potenziale per ridurre gli effetti collaterali nel trattamento del morbo di Alzheimer. Ora una collaborazione tra ricercatori britannici e tedeschi ha portato allo sviluppo di due nuovi candidati all’immunoterapia. Un anticorpo monoclonale chiamato TAP01 contro questa proteina potrebbe aiutare a curare il morbo di Alzheimer. A sua volta, un vaccino chiamato TAPAS insegnerebbe al sistema immunitario a riconoscere questa proteina e prevenire le malattie nelle persone sane. Gli anticorpi identificati nello studio hanno ridotto significativamente o addirittura arrestato la progressione della malattia in due modelli murini. Tuttavia, i farmaci che rimuovono le placche amiloidi finora non hanno avuto successo nel migliorare i sintomi della malattia in modelli animali e in alcuni studi clinici.

La proteina beta-amiloide nel cervello provoca placche nella malattia di Alzheimer

Alla luce dei risultati dello studio, gli autori si aspettano meno effetti collaterali per entrambi i farmaci rispetto ai precedenti trattamenti anticorpali. Il promettente vaccino contro l’Alzheimer e gli anticorpi modificati non interagiscono con le placche del morbo di Alzheimer, il che è un grande vantaggio. L’immunizzazione con la proteina designer ciclica o con l’anticorpo umanizzato TAP01_04 ha ridotto i livelli di placche amiloidi nel cervello dei modelli murini. Allo stesso tempo, entrambi gli approcci hanno ridotto la perdita neuronale nell’ippocampo. Questa è una regione del cervello che svolge un ruolo centrale nella formazione della memoria. I risultati indicano che sia il vaccino TAPAS che l’anticorpo TAP01_04 sono stati efficaci nel ridurre i marcatori cerebrali associati allo sviluppo del morbo di Alzheimer. Ora gli scrittori stanno pianificando questo studioper ulteriori studi sugli animali e successivi studi clinici dopo il successo dei due studi.

READ  Questa è la quarta ondata? Gli statistici offrono tre ragioni per cui non sono d'accordo