Settembre 20, 2021

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Tratto dall’Italia: The Tribune India

Rakesh Kochhar

L’epidemia del governo 19 ha reso popolare l’assunzione di cibo e la consegna a domicilio. Il lavoro da casa ha reso le cucine cloud onnipresenti, creando un vocabolario completamente nuovo. Nel bel mezzo dell’attuale evento “da asporto”, mi viene in mente un incidente interessante accaduto 20 anni fa.

Un gruppo di noi era andato in Italia per una conferenza medica. Poiché i lavori dell’incontro si sarebbero conclusi nel pomeriggio, abbiamo avuto tutto il tempo per esplorare la città di Torino, famosa per l’Armatura di Cristo e luogo di nascita della Fiat.

La prima sera abbiamo deciso di avvicinarci al centro congressi. Era un’epoca in cui le pizze non erano ancora popolari in India. Questo era prima della formazione dell’Unione Europea, e la moneta d’Italia era la lira. Eravamo in cima al mondo quando ci siamo resi conto che cento rupie indiane potevano essere convertite in 3.000 lire.

Pieni di banconote in lire, abbiamo cercato un posto dove mangiare e chiesto indicazioni per una pizzeria vicina. All’ingresso c’era un tabellone che mostrava i prezzi delle varie pizze. A 3000 lire abbiamo visto il prezzo allettante di una pizza vegetariana da 9 pollici. Sei di noi hanno ordinato tre pizze con limonata gratuita.

La crema di formaggio con pomodori secchi in crosta sottile, abbondanti condimenti di olive in salamoia e jalapenos su un’ampia area era davvero una delizia per gli intenditori. A Chandigarh non abbiamo mai assaggiato niente del genere a casa. Quindi abbiamo ordinato un altro giro di pizza con condimenti freschi e un assaggio di vere erbe italiane. Dopo aver mangiato a nostro piacimento, abbiamo raccolto la parte della nostra lira e chiesto il conto.

READ  Italia: le Regioni attirano offerte LGBTIQ*

Siamo rimasti scioccati nello scoprire che Bill era due volte più grande di quanto avevamo calcolato. Abbiamo chiesto di vedere l’unico manager che potesse parlare inglese tra il personale. Dopo aver cercato a lungo di tradurre la parola italiana “da asporto”, è riuscito a spiegarci che il prezzo di ogni scatola di pizza era di 3.000 lire, ma 6.000 lire per una pizza al tavolo! Spiegò in un inglese stentato che questo fatto era menzionato in caratteri piccoli in fondo alla lavagna. Ci siamo sentiti truffati, ma pagati a malincuore.

Quando siamo usciti, abbiamo visto una gelateria che vendeva sapori esotici nel negozio accanto. Abbiamo ordinato una lattina di gelato ai fichi mediterranei da 1 litro per sei persone, 5000 lire. Poiché abbiamo chiesto sei cucchiai, invece di chiudere il serbatoio, il venditore è stato sorpreso di scoprire che non volevamo mangiare altro che quello che volevamo portare con noi.