Novembre 27, 2021

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Terza vaccinazione contro il Covid-19 – La Germania raccomanda la vaccinazione di richiamo per tutti – Notizie

  • I governi federali e statali generalmente raccomandano una vaccinazione di richiamo dopo sei mesi.
  • Ciò vale soprattutto per gli anziani e il personale medico, ma in ultima analisi per tutti, ha affermato il ministro della Salute bavarese Klaus Holechek dopo le deliberazioni dei capi dei dipartimenti federali e statali di venerdì.
  • Secondo un comunicato stampa, la Svizzera non vuole seguire questa raccomandazione.

Il numero di nuove infezioni è in costante aumento ogni giorno in Germania. Giovedì, le autorità sanitarie hanno segnalato un totale di 33.949 nuove infezioni da coronavirus al Robert Koch Institute (RKI) in un giorno, più che mai.

I numeri rischiano anche di essere molto alti a causa delle iscrizioni tardive. Tuttavia, la Germania deve agire. “La situazione a volte è tragica, preoccupante e non del tutto chiara”, ha affermato il ministro della Sanità bavarese Klaus Holleczyk.

I rinforzi dopo sei mesi dovrebbero diventare la norma, non l’eccezione.

Dati questi numeri, il ministro federale della sanità Spahn ha anche affermato che il Paese sta affrontando “settimane molto difficili” della pandemia. Parla anche esplicitamente a favore della vaccinazione di richiamo: “I richiami dopo sei mesi dovrebbero diventare la norma, non l’eccezione”.

Più velocità richiesta

L’esperienza in Israele in particolare ha dimostrato che l’ondata può essere spezzata dalla successiva terza vaccinazione sei mesi dopo la seconda vaccinazione. Spahn ha notato che questa scoperta è ancora relativamente nuova.

BAG: Nessuna attivazione per il pubblico in generale


Apri il petto
Chiudi la scatola

In Svizzera, la vaccinazione di richiamo non è attualmente indicata per il pubblico in generale, scrive l’Ufficio federale della sanità pubblica BAG su richiesta di SRF News. Ciò è dovuto allo stato attuale dei dati e alla “persistenza di un ottimo effetto protettivo”. Le persone che sono state vaccinate sono ancora ben protette con l’immunizzazione di base e la protezione dalla vaccinazione è ancora superiore al 90% dopo la vaccinazione completa. Secondo l’UFSP, «chi viene infettato nonostante la vaccinazione di solito non presenta o presenta solo sintomi lievi e raramente si ammala gravemente».

READ  Festa illegale in Italia: un uomo annegato in mare

Poiché la protezione degli anziani può diminuire leggermente nel tempo, l’UFSP e la Commissione federale per le vaccinazioni (CCI) raccomandano la vaccinazione di richiamo per le persone di età superiore ai 65 anni per proteggerle al meglio da malattie gravi. Ciò è in linea con la decisione di approvazione dell’Autorità per i prodotti terapeutici Swissmedic.
EKIF e BAG valutano continuamente lo stato dei dati attuali e analizzano il rapporto rischio-beneficio per determinare se una vaccinazione di richiamo sia necessaria anche per altri gruppi di persone. Se la modalità dati cambia, EKIF e BAG reagiranno rapidamente e si adatteranno alla raccomandazione.

Ora è importante somministrare la terza vaccinazione dopo sei mesi. I medici di base sono tenuti a farlo, ma dovrebbero esserci anche offerte pubbliche come centri di vaccinazione e autobus per le vaccinazioni. “Abbiamo bisogno di più velocità”, ha avvertito il ministro federale della sanità sulla vaccinazione di richiamo.