Gennaio 17, 2022

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Tenacia della sonda di Marte: lo sporco impedisce la conservazione del successivo campione di suolo

Il persistente rover su Marte ha avuto difficoltà a conservare il sesto campione di suolo e ha interrotto l’operazione. Come ha ora spiegato la NASA, analisi e immagini hanno dimostrato che ci sono piccole pietre nel circuito di stoccaggio che impediscono una conservazione regolare e devono essere prima rimosse. Durante la progettazione della tecnologia, era previsto che accadesse qualcosa del genere, ma tuttavia il tempo necessario sarà ora dedicato alla correzione del problema. Sarà anche un po’ ritardato perché la connessione dati al pianeta rosso non è attualmente ideale a causa delle posizioni della Terra e di Marte e quindi la connessione richiede più tempo.

Persevere è su Marte dal febbraio 2021 ed è il più piccolo della serie di rover della NASA. È molto simile al suo predecessore Curiosity, ma dovrebbe prelevare campioni di suolo, tra le altre cose, che verranno riportati sulla Terra per un’analisi dettagliata in una missione successiva. Quando la perseveranza avrebbe dovuto prelevare il primo campione ad agosto, ci sono state difficoltà e il contenitore è rimasto vuoto. Tuttavia, la prima estrazione ha avuto successo a settembre e da allora Perseverance ha riempito e conservato diversi altri contenitori per campioni. La settima estrazione, attualmente sospesa, è iniziata il 29 dicembre e all’inizio tutto è andato liscio. Solo quando il container è stato spostato nel dispositivo di archiviazione nel rover i sensori hanno rilevato un’anomalia e ha smesso di funzionare, Louise Gandora della NASA spiega.

Come spiega Jandura, quando è stato inserito il contenitore del campione, i sensori hanno notato una resistenza più forte del solito e sono iniziati anche molto prima. Dopo aver informato i funzionari a terra, al rover è stato chiesto di trasmettere più dati e scattare foto. Per fare ciò, il contenitore del campione deve essere rimosso da lì. Le foto hanno poi confermato la presenza di piccole pietre direttamente all’ingresso della cosiddetta “piccola circolare”. È possibile che differissero durante la consegna. Il sistema è progettato in modo tale da poter gestire queste pietre a questo punto, ma prima che vengano rimosse, verrà dedicato tutto il tempo necessario alla preparazione. Le pietre devono essere rimosse in modo “ordinato e ordinato”. L’ingegnere non ha detto quanto tempo ci sarebbe voluto.

READ  È una svolta nella lotta contro la demenza?


(mese)

alla home page