Settembre 25, 2021

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Sting accusa di diffamazione in Italia

Milano Sting ha iniziato una rissa con una storia divertente sull’acquisto di una cantina in Toscana. Il cantante inglese era l’erede del duca italiano che acquistò la tenuta vicino a Firenze un quarto di secolo fa, e all’epoca non gradiva la descrizione dell’attività. Il colpevole che ha calunniato Sting, poi si è scusato solo a metà e la prole lo ha incolpato.

La puntura è iniziata il 13 agosto in un’intervista al settimanale “Chette”. Nel 1997 Simon Vincenzo Velluti è stato convinto ad acquistare l’azienda vinicola Palagio perché il proprietario del vaso de San Clemente gli ha dato il “migliore” vino rosso, ha detto il cantante. In seguito, però, il vino divenne parolee piemontese, non toscano Ciandi.

Erbe: “Calunnia, veleno e completamente sbagliato”

L’articolo della rivista parlava di una “bufala” e di un trucco per attirare la star nel business. È stato solo dopo aver acquistato la cantina che ha scoperto la verità sull’origine del vino, ha continuato Sting. Notò che gli ospiti versavano il vino della proprietà nei cespugli invece di berlo. Alla fine, lui e sua moglie decisero di vendicarsi “producendo il miglior vino dai vigneti del palazzo”.

Duke è morto nel 2012 all’età di 86 anni, ma ha scritto una lunga e terribile smentita delle accuse di suo figlio Sting. Simon Vincenzo Velludi casta ha spiegato che quello che ha detto era “calunnia, veleno e completamente sbagliato”. Sarebbe stato completamente diverso se suo padre avesse concesso la libertà vigilata a Cindy. Con interviste ed eventi, Sting ha voluto pubblicizzare una nuova pizzeria biologica nella sua proprietà e ha mostrato “cattivo gusto”, si è lamentato l’erede. Non solo Sting ha mentito, ma ha gravemente danneggiato la memoria di suo padre e la sua reputazione.

READ  L'Arabia Saudita sta valutando un'iniziativa per i Mondiali 2030 in partnership con l'Italia

Sting ha risposto con una lettera il 24 agosto. È veramente dispiaciuto. Ha ammesso che la storia “offende la memoria del tuo stimato padre”. Sting ha definito Duke “un uomo perbene” che non lo ha mai ingannato. Le sue spiegazioni dovrebbero essere intese come autostima. Sul fatto che 25 anni fa “non riusciva a distinguere una parola d’ordine da una saponetta”.

Ma Velludi non era soddisfatto del m kalpa del pungiglione di casta. Il perdono è “atto necessario” del cantante, il che non è molto rassicurante. Non ha ancora deciso quali ulteriori azioni intraprendere.