Gennaio 27, 2022

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Stazione sciistica spesso con maltempo – questa volta c’è abbastanza neve in Val d’Isere – Sport

Contenuti

In termini meteorologici, la tappa di Coppa del Mondo nelle Alpi francesi non ha sempre avuto una buona stella negli ultimi anni.

Leggenda:

Anche questo sembra sabato?

La mancanza di neve non dovrebbe essere il problema in Val d’Isere quest’anno.

Chiave di volta

Gli slider sono abituati ad essere cancellati o posticipati. Quando l’entourage della Coppa del Mondo ha visitato di recente Lake Louise e una settimana dopo a Beaver Creek, tre gare sono state vittime del maltempo. Questo è qualcosa di insolito nella gamma di velocità. Vento, nebbia e troppa neve: tutti fattori che rendono impossibile una corsa sicura e corretta.

Le gare tecniche sono meno sensibili alle condizioni meteorologiche, anche se gli organizzatori della Coppa del Mondo in Val d’Isere la vedono in modo leggermente diverso. Negli ultimi 10 anni, metà dei fine settimana di gara nelle Alpi francesi è andata come previsto dal calendario.

È prevista nuova neve

L’anno scorso le due gare di slalom gigante in programma sono state anticipate a Santa Caterina per mancanza di neve. Nel 2019 era possibile guidare lo slalom solo a causa del forte vento, nell’anno precedente solo lo slalom gigante. Nel 2014 e nel 2011 anche l’intero weekend di Coppa del Mondo è stato annullato o spostato in un’altra località a causa della mancanza di neve in Val d’Isere.

I regolatori non dovrebbero avere questo problema questa volta. Fino a sabato, in alcuni casi, è prevista neve continua sulle Alpi francesi.

Da un punto di vista svizzero, Marco Odermatt dovrebbe essere particolarmente caldo nello slalom gigante di sabato. L’uomo di Nidvaldo, che ha annunciato le sue ambizioni con la vittoria precampionato a Sölden, ha solo un risultato corretto in Val d’Isère dopo il fallito slalom gigante degli ultimi due anni (7° posto 2018).

READ  Dramma sulla morte della pioniera della F1 Antonia Terzi (50)