Novembre 30, 2021

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Skoda e-crossover: MEB mini, trazione anteriore, hatchback

Mini auto elettrica su piattaforma ID.2.
Skoda costruisce un pratico crossover elettrico

Il modello entry-level elettrico di Volkswagen ha una propria piattaforma a trazione anteriore (MEB Small). Il modello Skoda basato su questo sarà un crossover come il VW ID.2, ma più spazioso.

Già nel 1991, Volkswagen ha iniziato ad acquisire quote del produttore, che ora ha 125 anni Skoda Dalla fine di maggio 2000, Skoda è interamente di proprietà di un gruppo con sede a Wolfsburg. Da allora, ha guidato il marchio ceco da un successo all’altro con la tecnologia Volkswagen. Il più delle volte, l’infrastruttura degli scaffali aziendali fungeva da base per modelli più spaziosi: più auto per i soldi. La Octavia è sempre stata più grande della Golf, e per le utilitarie, la piattaforma più piccola (A0) della Polo MQB (Modular Array Transverse) viene utilizzata non solo per la Fabia, che è lunga solo 3 cm, ma anche per la Skoda , che è lungo quasi 30 cm Scala , che supera di poco la Golf in lunghezza (più 7 cm) e passo a 2,65 metri. Vantaggio: con una tecnologia più economica, Skoda può offrire l’auto più spaziosa a un prezzo più conveniente di circa 2.000 euro.


Problema di prezzo con piccole auto elettroniche

Anche il prezzo gioca un ruolo importante quando si passa a un motore elettrico. A volte il gruppo era troppo pessimista sulle auto elettriche a prezzi accessibili, e il segmento delle utilitarie sotto i 20mila euro non veniva considerato a copertura dei costi.



Ma i requisiti di base per un’auto elettrica economica stanno migliorando: le batterie sono diventate più economiche negli ultimi anni, mentre è probabile che i motori a combustione diventino più costosi. Volkswagen stima una spesa aggiuntiva fino a 3.500 euro per auto se le auto nuove (che non sono ancora state approvate) dovranno rispettare la nuova norma sulle emissioni Euro 7. Quindi, se nel 2025, grazie alle celle al litio ferro fosfato, un’auto elettrica potrebbe essere prodotto nella classe 4m per 20.000 a 25.000 euro e il premio per l’auto elettrica è durato fino ad allora, l’ingresso alla mobilità elettrica potrebbe essere solo per il cliente di circa 11.000 euro – proprio come tutti i sold out E-App o Skoda Citigo IV.

READ  Le aziende cinesi di auto elettriche sono le più competitive, secondo il CEO di Tesla teslamag.de



Skoda si affida ai SUV anche quando si tratta di introdurre la mobilità elettronica

Con gli spettacoli di piccole auto economiche, Stromer avrebbe dovuto anche arrivare dove avrebbe fatto del suo meglio per l’aria, che è particolarmente inquinata non solo dal diesel: in città.



Il Gruppo Volkswagen ha sempre pensato alla e-mini car in due modi: in primo luogo, come un’utilitaria classica come la Polo. Cupra Urbanrebel ha dato a questo un aspetto futuristico. Secondo: come un CUV corto, come una T-Cross elettrica. Spiega questo concetto di macchina identità e vita in un. Il suo lancio sul mercato nel 2025 potrebbe coincidere con l’introduzione dell’Euro 7 e quindi attirerà non solo gli appassionati di Suv, ma allo stesso tempo gli aspiranti potenziali Polo, che potrebbero poi non trovare alcuna offerta molto costosa in Volkswagen. Poco dopo (2026) Skoda introdurrà il suo modello sul mercato.



Il MEB Small è dotato di trazione anteriore e di un telaio simile a MQB

Per molto tempo, il gruppo ha lavorato duramente sul concetto tecnico di un’auto elettrica economica. nello sviluppo dell’ID. Family, che si basa sul nuovo kit Modular Electric Build (MEB), il minivan non aveva ancora avuto un ruolo: eravamo abbastanza impegnati da tenere il minivan elettrico a portata di mano. Successivamente, l’accorciamento del MEB si è rivelato difficile. Dopo alcuni tentativi di ridimensionamento con deviazioni attraverso Seat e Cina, gli sviluppatori Volkswagen hanno invertito il concetto MEB originale con trazione posteriore e trasmissione. La batteria da 57 kWh rimane nel pianale dell’auto tra gli assi per un’autonomia di circa 400 km, ma la MEB Small ora ha la trazione anteriore.

READ  I nuovi occhiali per realtà virtuale di Zuckerberg creano 350 nuovi posti di lavoro


Vantaggi: Nessun cavo deve passare dai radiatori nella parte anteriore al motore e all’elettronica di potenza nella parte posteriore, ID.Life con il collaudato (e conveniente) assale anteriore McPherson e il classico assale posteriore a barra di torsione praticamente spinge fuori il Polo. Questo e la mancanza di un motore nella parte posteriore lascia spazio nella parte posteriore per il cambio del bagagliaio e del telaio.


Posteriore più lungo e più ripido – e passo?

La controparte Skoda ID.2 utilizzerà più della VW con il lunotto non troppo ripido. Il presidente di Skoda Thomas Schaefer parla di un “concetto di veicolo autonomo orientato allo spazio”. Tradotto, questo significa almeno: a favore di una cabina più grande, la Skodas ID.2 ha una parte posteriore più ripida e almeno una sezione posteriore leggermente più o anche un passo più lungo.



Dove: esiste già ID.2- Concept car 2,65 metri – come una Volkswagen Golf. O con il più piccolo SUV Skoda su MQB, il Kamiq. Anche se la trazione anteriore elettrica dovrebbe offrire i vantaggi di un imballaggio inferiore in termini di lunghezza rispetto alla trazione posteriore della MEB “normale”, dovrebbe esserci più spazio nell’ID .2 elettrico di Skoda che in Skoda kamic con camino. A proposito, l’attuale SUV di Skoda misura ben 4,25 m – forse il Kamiq elettrico non deve essere alto per essere in grado di storcere il naso per ID.2 in termini di spazio. Tuttavia, tecnicamente, Elektro-Kamiq e ID.2 saranno molto simili. Quindi la cosa più eccitante sarà la domanda sul prezzo. Anche se è vicino all’identità. Resta, Skoda offrirà più auto per i soldi.

READ  L'obiettivo annuale ha bisogno di 'miracoli'"> teslamag.de


sondaggio

No, questo è il futuro.

Sì, non sono stati ancora risolti molti problemi.

conclusione

Anche quando si passa a una trazione elettrica, Skoda rimane fedele a se stessa sotto due aspetti: i suoi modelli di continuazione utilizzano il sistema di gruppi modulari, ma sono leggermente più grandi e spaziosi rispetto direttamente al distributore della piattaforma.

Inoltre, cresce il focus del brand sui SUV: se la gamma a combustione propone tre modelli di fascia alta, allora dal 2026 potrebbero esserci quattro e-car: oltre a Enyaq ed Enyaq Coupé, il modello è per il 2024. l’entrata Si prevede che l’analogo di ID.2 arriverà nel 2026. D’altra parte, l’auto elettrica con una base piatta non è ancora apparsa.