Gennaio 23, 2022

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Scientificamente provato – La paura del Corona ci rende più stupidi – Consulente

Non solo l’effettiva infezione da coronavirus può avere conseguenze negative per il nostro pensiero. L’ansia costante per la sola pandemia sta stressando le persone così tanto che le loro capacità cognitive si stanno deteriorando. O in breve: rendici più stupidi.

Questa è la conclusione di un recente studio di scienziati canadesi. Lo psicoterapeuta e autore Dr. Christian Lodke non è sorpreso da questa constatazione: “Lo stress e la paura ci rendono sempre stupidi. Anche indipendenti da Corona. “Fei Bild spiega perché.

studiando

I ricercatori della McGill University di Montreal in Canada hanno confermato che le persone con paure pandemiche prendono decisioni peggiori di quelle con meno ansia. Valutano male i rischi di determinati risultati e hanno velocità di elaborazione mentale più lente.

per me studia Ha intervistato più di 1.500 americani per vedere come le loro paure della pandemia hanno influenzato il loro pensiero. Prima che i partecipanti facessero una serie di test, dovevano valutare il loro livello di ansia per Corona.

“Questi test misurano quanto bene ogni persona gestisce determinate situazioni e ricorda informazioni importanti per completare l’attività. I ​​ricercatori hanno quindi confrontato i risultati con gli stessi test eseguiti prima della pandemia”, ha riferito la rivista StudyFinds.

Il risultato: le persone che hanno fatto i test durante la pandemia su compiti semplici hanno ottenuto risultati peggiori rispetto al gruppo di confronto prima della pandemia. E: nell’ultima ondata, i soggetti del test hanno mostrato velocità di elaborazione mentale più lente rispetto alla prima ondata.

Inoltre, le principali preoccupazioni relative a Corona hanno ridotto la capacità dei partecipanti di valutare correttamente i rischi. La probabilità di eventi realmente possibili è spesso sottovalutata. D’altra parte, le possibilità di possibilità improbabili sono state sopravvalutate.

READ  Corona: Brown difende il valore dell'infortunio tra 300 e 400

“I difetti osservati qui per quanto riguarda l’ansia suggeriscono che in periodi di forte stress – come una pandemia globale – la nostra capacità di pensare, pianificare e valutare i cambiamenti del rischio”, riassumono i ricercatori.

“Lo stress ci rende sempre stupidi”

Su psicoterapeuta e autore d. Christian Ludke, questa scoperta è plausibile, ma non è nuova. La relazione tra paura e deterioramento cognitivo è stata osservata e studiata per più di 300 anni. Sapere: lo stress ci rende stupidi.”

E sempre, non solo in caso di corona o di epidemia: “In situazioni pericolose, il corpo passa in modalità sopravvivenza”, spiega l’esperto. “Gli ormoni decidono. L’adrenalina viene rilasciata, così come gli oppiacei dal corpo. Questo fa sì che il pensiero, il sentimento e l’azione si separino l’uno dall’altro”.

Il pensiero razionale è fermato. Perché pensare costerà molto tempo in situazioni pericolose per la vita quando si tratta di fuggire o attaccare rapidamente.

Lodki: “In questi casi, il testosterone svolge un ruolo particolarmente importante negli uomini. Ciò garantisce che vengano presi rischi maggiori di quelli che sarebbero altrimenti basati su considerazioni razionali”.

“La mente ci tradisce”

Il terapeuta sa e riferisce durante l’esame che il nostro comportamento diventa irrazionale sotto stress.

Ludke: “In uno studio psicologico negli Stati Uniti, le persone sono state divise in due gruppi. Alcune persone hanno detto che il test riguardava la memorizzazione di tre numeri menzionati. All’altro gruppo è stato detto che c’erano sette numeri da ricordare. Poi c’è stato un buffet per entrambi i gruppi di frutta e cose snack e dolci sani.

Il risultato: “Le persone che avrebbero dovuto ricordare più numeri, cioè che erano più stressate, hanno cercato di più per torte e simili. Cerchiamo una “ricompensa” sotto stress. La mente ci batte. ”


“La somma di tutte le paure rimane la stessa”.

In generale, il nostro livello di ansia rimane sempre relativamente lo stesso, dice il terapeuta. “Ciò che cambia è solo un’occasione; in gergo tecnico è anche indicato come l’oggetto della paura”.

In questo momento, quella paura per molte persone è Corona, una potenziale malattia e le paure associate alla pandemia, inclusa la sopravvivenza economica.

L'articolo non è più disponibile

Ma, dice Lodke: “Queste paure non devono necessariamente essere basate su rischi reali. Possono anche essere immaginate o percepite come minacce come causa”.

Alla fine, le reazioni apparentemente irrazionali sono un tentativo di controllare una situazione incontrollabile. Il che, ovviamente, come avviene attualmente con la pandemia di Corona, non può funzionare.

Ludke: “Dal punto di vista psicologico, maggiore è la paura, più sicure sono le strutture e le basi a tutti i livelli per aiutare le persone colpite. Se non ci sono linee uniformi e chiare, come avviene attualmente, ciò rende più difficile per le persone.”

E più la paura che ci rende tutti più stupidi.