Settembre 25, 2021

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Resistenza dei talebani – Ahmed Masoud: “Non rinunceremo alla lotta” – Notizie

  • Il leader di una fazione di resistenza contro il movimento armato dei talebani islamici in Afghanistan vuole continuare la lotta.
  • “Non rinunceremo alla lotta per Dio, la libertà e la giustizia”, ​​ha detto Ahmed Masoud sulla sua pagina Facebook.
  • Da cinque giorni sono in corso combattimenti tra talebani e combattenti del Fronte di resistenza nazionale intorno a Banjir, l’unica provincia del Paese non ancora controllata dai talebani.
  • Inizialmente, entrambe le parti hanno affermato di voler risolvere la questione del potere aperto attraverso negoziati.

Un portavoce del Fronte di resistenza nazionale ha scritto su Twitter questa settimana che i talebani hanno offerto a Massoud una posizione nel futuro governo e la protezione delle sue proprietà. Tuttavia, ha rifiutato e giustificato ciò con il fatto che non persegue alcun interesse personale. Finora nessuna dichiarazione è stata rilasciata dai talebani.

Secondo un portavoce del Fronte della Resistenza, i combattimenti sono iniziati martedì con gli attacchi dei talebani ai posti di blocco all’ingresso di Wadi Al-Banajir. È probabile che i combattimenti si siano intensificati di recente. Le due parti hanno dichiarato di aver inflitto pesanti perdite all’altra parte.

Voci di barbabietola che cade

Sabato sera, i sostenitori dei talebani hanno diffuso su Twitter voci che Banjir fosse caduto e che la leadership della resistenza fosse fuggita. Ha subito smentito l’ex vicepresidente Amrullah Saleh, che si diceva fosse nella stessa Al Banjir. “La situazione è difficile, ma abbiamo difeso il nostro Paese”, ha detto in un videomessaggio pubblicato su Twitter dal canale televisivo locale ToloNews. Masoud ha anche scritto su Facebook che Wadi Benjir “è rimasto coerente finora”.

READ  Il comandante è riuscito a fuggire da Guantanamo grazie a mio padre

I talebani non hanno potuto conquistare Banjir durante il loro primo dominio tra il 1996 e il 2001. Oltre all’aspra resistenza dell’Alleanza del Nord, ciò è dovuto anche alla posizione geografica: l’ingresso alla valle è stretto e facile da difendere.