Novembre 30, 2021

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Quando la felicità fa male al cuore: come riconoscere la “sindrome del cuore felice”

  • a partire dalJulian Guttmann

    Chiudere

Non solo la “sindrome del cuore infranto” può portare a sintomi simili a un attacco di cuore: la “sindrome del cuore felice” è anche dannosa per il cuore.

Difficoltà respiratorie, forti dolori e oppressione al petto: sintomi tipici di un infarto. Ma ci sono anche altri fattori alla base dei sintomi, come una forte tensione alla schiena. O stress emotivo che colpisce il cuore. Se lo stress negativo è la causa dei problemi cardiaci, i medici parlano di “sindrome del cuore spezzato”, tecnicamente nota come sindrome di takotsubo o cardiomiopatia da stress. La quantità di ormoni dello stress adrenalina, noradrenalina e dopamina aumenta nel corpo, il che può mettere a dura prova il cuore.

Secondo l’ospedale universitario di Friburgo, il cuore si contrae in modo molto irregolare nella sindrome di takotsubo (TTS). L’apice del cuore si contrae molto poco, ma l’area sopra di esso vicino alla base si restringe molto. Il risultato sono sintomi simili a un attacco di cuore come un forte dolore al petto. Tuttavia, non è un “vero” attacco di cuore. Questo di solito è causato dal blocco dei vasi sanguigni, che porta alla morte del tessuto muscolare cardiaco. L’aterosclerosi è la causa principale di un “vero” attacco di cuore.

Potrebbe interessarti ancheIl calcio nell’acqua del rubinetto può causare un infarto? L’esperta del cuore spiega a cosa fare attenzione

La “sindrome del cuore felice” come una forma rara di malattia cardiaca

Non solo esperienze negative come la morte di una persona cara o l’estrema solitudine possono portare alla sindrome di takotsubo. In rari casi, le emozioni particolarmente positive portano anche alla sintesi vocale. In questo caso i medici parlano di “sindrome del cuore felice”: “In circa un terzo delle persone colpite, forti sintomi emotivi hanno preceduto i sintomi. Potrebbe trattarsi della fine di una relazione o della morte di una persona cara; in una piccola percentuale di le persone colpite, i trigger sono anche emozioni particolarmente positive.Poi si parla della “sindrome del cuore felice”, spiega il Prof. Dr. Sebastian Grundmann, primario presso la Clinica 1 di Malattie Cardiovascolari presso l’University Heart Center Freiburg su Pagine web della clinica universitaria.

READ  Coronavirus: gli hotspot bavaresi rispondono in silenzio - Bavaria

Quanto la felicità travolgente può danneggiare il cuore Era secondo Ärzteblatt analizzato in uno studio. Secondo Ärzteblatt, ricercatori svizzeri e tedeschi hanno esaminato 485 partecipanti allo studio la cui emergenza emotiva ha causato problemi cardiaci. Si scopre che il 96% dei pazienti ha avuto eventi avversi gravi prima di sviluppare problemi cardiaci. Al contrario, il 4% ha sperimentato forti emozioni positive prima di avere un infartoSi dice di lato aerzteblatt.de. Ciò includeva una festa di compleanno a sorpresa e la nascita di un nipote. “Si può presumere che gli eventi della vita felici e tristi, sebbene di carattere diverso, abbiano effetti emotivi simili che alla fine possono portare alla sintesi vocale”, L’analisi pubblicata sull’European Heart Journal dice:.

La sindrome del cuore felice è una di queste insufficienza cardiaca rara, secondo Ärzteblatt. (Inoltre)