Settembre 20, 2021

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Problemi in Norvegia – I socialdemocratici al comando in Norvegia – Notizie

  • In Norvegia, secondo le previsioni preliminari, il Partito di azione socialdemocratica ha vinto le elezioni parlamentari.
  • Secondo diverse previsioni indipendenti, il partito guidato da Jonas Gahr Store ha ricevuto circa il 26% dei voti.
  • I conservatori nell’attuale premiership, Erna Solberg, ottengono circa il 20 percento.

Dopo otto anni di coalizione di governo sotto Solberg, ci sono indicazioni di un cambio di governo in Norvegia. Gli osservatori prevedono che Jonas Gahr Store formerà il prossimo governo norvegese.

Se i risultati rimangono invariati, ciò significa perdite per entrambi i partiti rispetto alle ultime elezioni parlamentari di quattro anni fa, ma molto più alte per il Partito Conservatore. D’altra parte, molti partiti più piccoli sono riusciti a vincere, così come il terzo candidato primo ministro del Partito di Centro, Trygve Slagsvold-Widom: inizialmente era intorno al 14%, posizionandosi al terzo posto e poco meno di due punti percentuali davanti a il Partito del Progresso populista di destra.

Rassegna stampa di SRF Bruno Kaufmann


Apri il petto
Chiudi la scatola

La previsione mostra chiaramente che c’è un cambio di governo in Norvegia. È chiaro che il mandato di Erna Solberg è finito.

Il petrolio gioca un ruolo importante in Norvegia. Il governo precedente ha investito nell’industria petrolifera più di qualsiasi altro governo prima. Il risultato attuale indica una battuta d’arresto in una carriera: si sta pensando a come andare avanti. Allo stesso tempo, i partiti che sostenevano un’uscita radicale non sono cresciuti tanto quanto ci si sarebbe potuti aspettare. In Norvegia, la domanda ora sarà come pianificare l’ingresso e l’uscita dall’industria petrolifera.

READ  Questa tecnologia americana è ora nelle mani dei talebani

I partner dell’alleanza sono importanti

I sondaggi di opinione molto prima delle elezioni indicavano un cambio di governo nel paese non UE. Per poter formare la maggioranza nel parlamento norvegese da 169 seggi, il futuro capo del governo dovrà fare affidamento su diversi partner della coalizione. Secondo i dati estrapolati, ciò potrebbe essere sufficiente per una ristretta maggioranza di quella che è probabilmente la coalizione di centro-sinistra, composta dai socialdemocratici, dal partito di centro e dal partito socialista di sinistra.

Se questo triumvirato non raggiunge questo obiettivo, i socialdemocratici possono contare anche sull’appoggio del Partito dei Verdi (circa il 4 per cento) e del Partito dei rossi (circa il 5 per cento). Ma i governi di minoranza non sono rari in Scandinavia. In Danimarca e Svezia, ad esempio, anche i colleghi socialdemocratici Mette Frederiksen e Stefan Lofven governano senza una chiara maggioranza. Solberg ha anche guidato il governo di minoranza norvegese dall’inizio del 2020 dopo che i populisti di destra hanno lasciato la coalizione.

Il risultato delle elezioni primarie di martedì

Circa 3,9 milioni di norvegesi sono stati invitati a votare alle elezioni. Quasi 1,65 milioni di elettori hanno votato in anticipo, oltre il 42% di tutti gli aventi diritto. Le prime previsioni si basavano su questi suoni e su un modello matematico. Martedì è atteso l’esito delle elezioni preliminari.