Gennaio 22, 2022

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Perché la crisi dei chip ha raggiunto il suo apice a causa della fabbrica di glutammato?

Un dipendente americano dell’azienda giapponese Ajinomoto, noto a un pubblico più ampio come prodotto dell’esaltatore di sapidità glutammato. L’azienda produce anche il materiale di base per uno speciale film isolante: è qui che guarisce …Foto: pietra angolare

La pandemia di Corona, i disastri naturali e la guerra commerciale degli Stati Uniti contro la Cina hanno contribuito alla crisi dei semiconduttori. Poi c’è stata anche la sfortuna, sotto forma di uno speciale film isolante.

Quest’anno la mancanza di microprocessori non ha solo causato molti danni all’industria automobilistica. La società di consulenza Goldman Sachs ha identificato 169 industrie che hanno sperimentato una persistente carenza di chip quest’anno.

Questi includono produttori di smartphone, computer, router WiFi e dispositivi medici. Gli esperti non si aspettano ancora una vera inversione di tendenza nel 2022. Ci sono ancora una serie di problemi che hanno contribuito in modo significativo alla crisi globale dei chip.

Secondo gli osservatori, la carenza di semiconduttori è uno dei maggiori rischi per la ripresa economica dell’Europa dagli effetti della pandemia di Corona.

Qual è la causa della crisi dei chip?

Per valutare meglio la situazione futura, vale la pena dare uno sguardo indietro: All’inizio del 2020, il mondo sembrava ancora rosa. L’industria dei semiconduttori era appena uscita da una lunga crisi ed era sull’orlo di una forte ripresa economica. Ma poi è emerso il Covid-19 e l’industria automobilistica in particolare temeva una domanda debole.

In effetti, le vendite di auto sono crollate brevemente nella primavera del 2020. Quasi presi dal panico, i principali acquirenti di case automobilistiche hanno annullato i loro ordini ai grandi produttori di chip come TSMC a Taiwan. Tuttavia, questo si è rivelato un enorme errore di calcolo.

La domanda è aumentata notevolmente

“La domanda di automobili è improvvisamente aumentata di nuovo”, afferma Kota Yuzawa, analista automobilistico di Goldman Sachs, e le capacità di produzione scartate nell’industria dei chip non sono più disponibili per le aziende automobilistiche. È stato a lungo passato ai produttori di elettronica di consumo.

“In questo periodo abbiamo lavorato da casa e da casa gli sport Ho realizzato, ho preso la scuola da casa e ci siamo divertiti a casa”, dice L’esperta del settore Julia Hess della Fondazione di Berlino nuova responsabilità. Ciò ha portato a un aumento della domanda di smartphone, tablet, laptop e console di gioco. Le scorte di chip globali sono state rapidamente esaurite.

Quali fattori hanno peggiorato la situazione?

La situazione è stata esacerbata da una serie di sfortunati eventi che potrebbero essere stati previsti solo dagli attivisti del clima. Nel febbraio 2021, produttori di chip come Samsung, NXP e Infineon sono stati costretti a chiudere le loro attività ad Austin, in Texas.

Dopo forti tempeste di neve, la corrente si è interrotta, Fabbriche di semiconduttori, i cosiddetti fab, non può più essere chiuso in maniera controllata. Ciò ha danneggiato non solo gli impianti di produzione, ma anche i componenti dell’infrastruttura aziendale.

Disastri naturali e guerre economiche

anche in Giappone Ci sono stati fallimenti – qui a causa di disastri naturali e incendi nelle fabbriche di chip. Nel marzo 2021, ad esempio, un impianto di produzione del produttore di chip Renesas Electronics è stato danneggiato da un grave incendio, aggravando la carenza di microcontrollori.

Come se non bastasse, anche la politica ha contribuito a una carenza globale di chip. L’allora Presidente degli Stati Uniti Donald Trump Per esercitare l’influenza globale delle aziende cinesi high-tech come Huawei Per ridurre e imposto tra le altre sanzioni nel campo della tecnologia dei chip. Di conseguenza, le aziende cinesi hanno acquistato chip e attrezzature di produzione ampiamente disponibili.

Cos’è un film ABF?

Non c’è una soluzione semplice in vista, soprattutto perché ci sono vari colli di bottiglia nei vari settori coinvolti. L’industria automobilistica non ha chip perché la produzione di semiconduttori nella fabbrica non può soddisfare la domanda e quindi si rivela un collo di bottiglia.

Con console di gioco come Stazione di gioco 5 di SonyChe era a malapena disponibile durante il periodo natalizio, la carenza non era dovuta alle marmellate nella favola. Mancava soprattutto una pellicola isolante speciale, necessaria per la produzione di piastre portatrucioli già realizzate.

READ  7 motivi per cui e quali prodotti sono particolarmente rari

Esiste un solo produttore al mondo per il materiale di base del cosiddetto film ABF, l’azienda giapponese Ajinomoto, che è noto a un pubblico più ampio come prodotto glutammato esaltatore di sapidità. Ajinomoto non aveva ancora guadagnato quasi nulla in ABF, e quindi aveva poco interesse ad espandere quest’area.

“È molto frustrante per i produttori di chip. Il chip di silicio è già esposto e finito. Quindi con ABF mancano materiali relativamente economici per completare l’ultima fase di produzione”, afferma Jan-Peter Kleinhans, che insieme a Julia Hess ha pubblicato uno studio sulle cause della crisi dei chip per Stiftung Neueresponsibility.” “Anche questo problema non sarà risolto da più favolosi.”

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden tiene un wafer di silicio davanti alle telecamere.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden tiene un wafer di silicio davanti alle telecamere.Foto: pietra angolare

Cosa poi?

In risposta alla pressione dei clienti, Ajinomoto sta ora espandendo la produzione di ABF. E i grandi produttori di chip come Intel e Infineon stanno aumentando le loro capacità di produzione in modo che la carenza venga mitigata l’anno prossimo e completamente superata nel 2023. Ma anche con miliardi di investimenti, non puoi girare l’orologio.

“Ci vorranno dai 18 ai 24 mesi per espandere i nostri stabilimenti esistenti in Irlanda”, afferma Christine Eisenschmid, presidente di Intel Germania. Quando costruisci un nuovo sistema, devi contare fino a quattro. “Un impianto come questo è molto complesso e richiede un’enorme quantità di investimenti per poter acquistare le attrezzature più moderne”.

Che cos’è un destinatario del chip?

Ma non solo chi si occupa di produzione di semiconduttori fa i compiti, ma anche i clienti – ad esempio nel settore automobilistico: nella rete di partner europei Catena-X, ad esempio, i player più importanti – da BMW e Bosch a Mercedes-Benz a Volkswagen Vogliono rendere le loro catene di approvvigionamento più trasparenti. Ciò consentirebbe anche ai produttori di chip di calcolare se c’è solo un incendio a breve termine o se vale la pena espandere in determinati settori nel lungo periodo.

Nel superare la crisi dei chip, tutte le parti coinvolte si aspettano anche che lo stato svolga un ruolo attivo. Siamo pronti a investire miliardi Euro ‘, afferma il direttore di Intel Eisenschmid. ‘Ma non possiamo farlo da soli.’

READ  Le azioni di Molecular Partners sono in calo

In altre regioni del mondo, la produzione di chip è ampiamente supportata. “Questo è anche il motivo dell’industrializzazione dall’Europa a Asia e si mosse”.

Cosa sta succedendo in Europa?

Nella prima metà del 2022, è apparso io Secondo gli attuali resoconti dei media, ha introdotto una legge europea sui chip per stare al passo con i migliori al mondo nello sviluppo e nella produzione di microchip. Entro il 2030, il 20% della produzione globale dovrebbe provenire dall’Europa, scrive n-tv.de

Attualmente circa il 9% della produzione mondiale di semiconduttori proviene dall’Europa. “Era il 44% negli anni ’90”, afferma il manager di Intel.

Foto di gruppo con cani:

Foto di gruppo con cani:Foto: pietra angolare

Durante il fine settimana, è diventato pubblico che il gigante tecnologico taiwanese TSMC era presente Germania Vuoi prendere un punto d’appoggio. Il più grande produttore a contratto di chip al mondo, che è anche la fabbrica di iPhone Una mela Forniture, layout impianto semiconduttori.

In tempi di enormi colli di bottiglia nelle consegne, i piani sono un barlume di speranza che l’Europa sarà in grado di aumentare significativamente la sua produzione di chip per il prossimo futuro, rendendosi così in qualche modo indipendente dalle forniture dall’Asia.

risorse

(dsc/sda/awp/dpa)