Ottobre 16, 2021

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Nuovo studio: le vaccinazioni antinfluenzali possono prevenire la demenza in età avanzata

  • a partire dalMaria Dershawer

    Chiudere

Le vaccinazioni antinfluenzali regolari possono prevenire la demenza in età avanzata. Questo è ciò che ha dimostrato un recente studio degli Stati Uniti.

Ogni anno circa 330.000 persone sviluppano la demenza. Ora un nuovo studio dagli Stati Uniti dà motivo di speranza. Persino Si può salvare il dodici per cento di una diagnosi di demenza Attraverso regolari vaccinazioni contro l’influenza. I risultati dello studio sono stati supportati da Società Tedesca di Neurologia il petto.

Diminuzione del rischio di demenza: lo studio americano offre speranza

  • Più di 120.000 veterani statunitensi sono stati esaminati in uno studio retrospettivo: 96,2% uomini e 3,8% donne. L’età media era di 75,5 anni.
  • I partecipanti allo studio sono stati seguiti per 10 anni, tra il 2009 e il 2019.
  • Prima di iniziare, è stato confermato che la demenza non era stata diagnosticata. Alla fine, è stato notato quante persone e quali – a seconda del numero di vaccinazioni antinfluenzali – hanno sviluppato una nuova demenza.
  • E l’osservazione di 80 mesi ha mostrato: a quasi 16.000 partecipanti allo studio è stata recentemente diagnosticata la demenza.
  • Chiunque abbia ricevuto più di sei vaccini antinfluenzali durante questo periodo ne riceverà uno 12% di rischio inferiorePer la demenza – rispetto alle persone che hanno ricevuto meno o nessuna vaccinazione.

Leggi anche: Sarà costoso, soprattutto per chi non è stato vaccinato: dall’11 ottobre i cittadini dovranno pagare da soli i test corona.

I vaccini antinfluenzali possono prevenire la demenza? Ecco perché sono necessari più studi

Come si innesca esattamente la malattia di Alzheimer? deposizione e accumulo beta-amiloide tra i neuroni. I dati di uno studio statunitense suggeriscono che i vaccini antinfluenzali possono aiutare a scomporre l’amiloide-beta. questo sarà Svolta per il trattamento della demenza. Tuttavia, lo studio attuale è una valutazione retrospettiva che non ha prove ma può solo mostrare un’associazione, secondo l’esperto di demenza DGN, il professor D. Lo scarabocchio conferma. Sono necessari ulteriori studi futuri per chiarire inequivocabilmente la connessione.

READ  Studio: i fumatori hanno maggiori probabilità di avere gravi cicli di Covid