Settembre 20, 2021

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Mercato svizzero delle stazioni di servizio – L’operatore di Ruedi-Rüssel acquisisce la rete di stazioni di servizio BP – Notizie

  • Oel-Pool AG e la sua controllata Moveri rileveranno le stazioni di rifornimento di BP in Svizzera.
  • Ciò renderà Argovia il più grande operatore di stazioni di servizio in Svizzera.
  • Moveri gestisce le stazioni di servizio Ruedi Rüssel e Miniprix in tutto il paese.

Oel-Pool AG e la sua filiale di stazione di servizio, Moveri AG, hanno firmato un accordo per rilevare la rete di stazioni di servizio e la struttura di fornitura da BP in Svizzera. Interpellata da AWP, una portavoce ha affermato che Moveri sta acquisendo 200 stazioni di rifornimento da BP, di cui la società con sede a Argovia gestisce già 120 stazioni.

Il più grande operatore della stazione di servizio

Moveri gestisce attualmente più di 330 stazioni di servizio con i nomi Ruedi Rüssel e Miniprix. Inoltre, l’acquisizione aggiungerà 200 stazioni con i marchi BP e Shell. Ciò renderà Oel-Pool AG e Moveri i maggiori operatori di stazioni di servizio in Svizzera. Entrambe le società appartengono al Volare Group AG.

Circa 30 dipendenti saranno rilevati dalla filiale svizzera di BP. Anche il marchio BP dovrebbe essere preservato, secondo un comunicato stampa. Da 300 a 400 dipendenti delle stazioni di servizio continueranno ad essere assunti dai rispettivi gestori delle stazioni di servizio.

Le parti hanno convenuto di non divulgare il prezzo di acquisizione. Tuttavia, la Commissione della concorrenza (Weko) deve ancora esaminare e approvare l’acquisizione.

Nessun taglio di prezzo previsto

Con i marchi Ruedi Rüssel e Miniprix, Oel-Pool AG e Moveri offrono prezzi del carburante più bassi. L’acquisizione non converte BP in un’unità di sconto. “Non abbiamo in programma di adeguare i prezzi”, ha affermato il CEO Ramon Werner.

READ  L'ex allenatore della Raiffeisen Beren Vincennes ha ottenuto più del previsto

Werner è principalmente impegnato in questa collaborazione con BP, ma “strategicamente dobbiamo chiarire se questo ha ancora senso a lungo termine”, perché l’industria è sotto pressione. “Il mercato del carburante sta andando in discesa”, ha detto Werner. L’acquisizione mira a creare sinergie al fine di utilizzare al meglio il parco serbatoi. “Ci darà la forza per investire in combustibili alternativi”.

In una joint venture con lo sviluppatore di tecnologie Swiss Liquid Future, l’azienda con sede a Argovia vuole sviluppare combustibili sintetici. I primi prodotti saranno presentati nel 2024.