Dicembre 8, 2021

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Mario Draghi abbatte le “riforme” dei populisti.

Roma. I due premi elettorali sono costati al governo italiano oltre 30 miliardi di euro di debiti elevati dalla loro introduzione, e la tendenza continua a crescere. Circa 11 miliardi di sono andati al conto dell’abbassamento dell’età pensionabile, l’allora ministro dell’Interno, Lega-Chef Matteo Salvini, Accoltellato a breve termine dal governo populista. Il governo italiano ha speso altri 20 20 miliardi per il reddito di cittadinanza, che era la preoccupazione centrale del movimento cinque stelle.

Nonostante gli enormi costi, entrambe le misure non hanno mantenuto quanto promesso dai loro sostenitori: abbassare l’età pensionabile non ha aumentato l’occupazione in Italia, l’ha ridotta. I soldi dei cittadini non hanno “sradicato la povertà” in alcun modo, hanno strombazzato i “grillini” il giorno in cui la mossa è stata approvata dal governo populista. Le indennità di cittadinanza, come l’abbassamento dell’età pensionabile, non sono l’ideale per il ritorno al lavoro dei disoccupati. Al contrario, promuove il lavoro sommerso.

La riforma delle pensioni di Salvini si chiamava “Quota 100”. Ciò significa: se la somma dell’età e degli anni di contribuzione è almeno 100, puoi andare in pensione anticipatamente con una leggera riduzione dell’importo della rendita. In pratica si va in pensione solitamente all’età di 62 anni (in questo caso erano richiesti 38 anni di contributi).

In sostanza la “Quota 100” di Salvini non è una riforma, ma una controriforma: il governo con Lega e Cinque Stelle ha cambiato la riforma delle pensioni del governo Mario Monti dal 2012, alzando l’età pensionabile in Italia a 67 anni. È aumentato. Monty, l’ex commissario economico dell’UE, ha dovuto salvare l’Italia dall’imminente fallimento nazionale dopo la crisi finanziaria e del debito.

READ  L'Italia potrebbe imporre restrizioni "Green Pass" a persone sconosciute | Italia

Salvini aveva pubblicizzato “quota 100” con l’argomento che sarebbero stati assunti tre giovani lavoratori per ogni posizione lasciata libera per prepensionamento. Come sia arrivato a questa convincente ipotesi rimane un mistero fino ad oggi. In realtà, è successo il contrario: ogni terzo posto vacante è stato sostituito da uno nuovo. Per la maggior parte delle aziende, la “Quote 100” è stata una gradita opportunità per ridurre e razionalizzare.

Il presidente del Consiglio Mario Draghi ora vuole porre fine al fantasma: la “quota 100”, che inizialmente era di soli tre anni, scade alla fine di quest’anno, e il presidente del Consiglio ha annunciato che non verrà prorogata. Invece, l’età pensionabile dovrebbe essere gradualmente riportata a 67 anni.

Un po’ meno catastrofico il bilancio del denaro dei cittadini: durante le epidemie, non si è potuto impedire che il numero degli italiani che vivevano in povertà aumentasse ulteriormente, ma è stato in grado di mitigare l’aumento e alleviare il dramma di molte famiglie. Tracy non vuole eliminare lo strumento, ma piuttosto riforma alcuni punti chiave.

In particolare, vanno frenati gli abusi diffusi: dalla sua introduzione, sono stati smascherati 130.000 truffatori che estorcono denaro ai cittadini, ma non ne hanno il diritto – tra cui centinaia di mafie. Inoltre, se un destinatario rifiuta di accettare un lavoro offerto da un centro di lavoro, il supporto dovrebbe essere ridotto o annullato il prima possibile. In Italia attualmente più di tre milioni di persone godono dei benefici della cittadinanza.

Con l’attacco a “Quota 100” e la riforma dei soldi dei cittadini, Mario Draghi va nell’area politicamente tagliata, perché sia ​​la Lega che i Cinque Stelle perderanno un volto significativo. Tuttavia, il Primo Ministro ha già indicato che non terrà conto di tali sentimenti all’interno della sua ampia e diversificata coalizione di governo.

READ  Il fascino di Ronchi - il paradiso delle vacanze dimenticate degli intellettuali italiani - cultura

Il governo Draghi deciderà questa settimana nel bilancio dello Stato l’abolizione o la riforma radicale dei due progetti più importanti dell’ex governo populista.