Dicembre 8, 2021

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

M51-ULS-1: trovato il primo presunto esopianeta

Galassia vortice con presunta posizione di un esopianeta

(Bild: Raggi X: NASA/CXC/SAO/R. DiStefano, et al.; ottica: NASA/ESA/STScI/Grendler)

Una traccia del primo esopianeta potrebbe essere stata trovata usando un telescopio spaziale della NASA. Lo sa ora un team guidato da Rosanne Di Stefano dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics, che ha anche spiegato perché la scoperta è stata storica. Dopo che i pianeti intorno ad altre stelle sono stati trovati solo negli ultimi decenni, quasi tutti si trovano a meno di 3000 anni luce di distanza. Anche la distanza dagli esopianeti confermati più distanti è inferiore a 15.000 anni luce. Senza eccezioni, tutti gli esopianeti conosciuti si trovano nella Via Lattea. A sua volta, il gruppo ha trovato il suo pianeta extrasolare nella Galassia Whirlpool, a una distanza di oltre 28 milioni di anni luce.

Galassia a vortice nello spettro dei raggi X

(Foto: ESA)

Poiché i metodi attualmente utilizzati per scoprire gli esopianeti non funzionano a causa delle enormi distanze delle stelle in altre galassie, Di Stefano e il suo team hanno proceduto diversamente con la loro scoperta. Invece di fare affidamento su osservazioni in luce visibile, hanno analizzato i dati dei telescopi a raggi X. Le sorgenti luminose di raggi X sono molto più rare degli oggetti luminosi nello spettro visibile e intere galassie per i telescopi a raggi X sono costituite solo da pochi punti. Quindi gli oggetti più luminosi nello spettro dei raggi X includono le cosiddette stelle binarie a raggi X. Sono costituiti da un oggetto estremamente compatto, come un buco nero o una stella di neutroni, che estrae materiale da un compagno. È molto riscaldato e quindi emette molti raggi X.

Le stelle binarie a raggi X sono milioni di volte più luminose nel loro spettro rispetto al nostro Sole, ma allo stesso tempo i raggi X hanno origine in una regione molto piccola, hanno spiegato gli astronomi. Un oggetto relativamente piccolo come un pianeta in un sistema stellare così estremo potrebbe bloccare completamente la radiazione dei raggi X se passasse alla nostra vista. Questo è esattamente ciò che Di Stefano e il suo team stavano cercando Ha dell’oro nel database di Chandra. Le stelle binarie a raggi X M51-ULS-1 sono scomparse completamente per circa tre ore il 20 settembre 2012. Dopo un’analisi dettagliata di tutte le possibili spiegazioni, secondo loro, la colpa è di un esopianeta.

Se hai problemi a riprodurre il video, attiva JavaScript

Animazione dei transiti

(Quello: NASA/CXC/A.Jubett)

Come ora spiegano, il sistema è troppo piccolo e l’oggetto oscuro è troppo grande per essere una piccola stella. Inoltre, il transito è così chiaramente definito da non dipendere, ad esempio, da una nuvola di gas o da polvere in transito. Pertanto, anche i cambiamenti nella luminosità della sorgente di raggi X non sono una spiegazione. Dopotutto, non era un transito del compagno dell’oggetto colossale, perché il telescopio spaziale XMM-Newton lo aveva osservato ed era completamente diverso. Il team sottolinea che una simulazione al computer di un esopianeta transitorio sarebbe perfetta. Si aspetta di avere le dimensioni di Saturno, orbitare a circa decine di unità astronomiche lontano dalla sorgente di raggi X ed essere completamente ostile alla vita a causa della massiccia radiazione. Quindi ci vorranno 70 anni per orbitare, quindi il prossimo buio arriverà molto tempo.

L’astrofisica della Princeton University Julia Berndson, co-autrice dell’analisi, riconosce che l’affermazione della scoperta storica è “coraggiosa”. Quindi presume che sarà esaminato attentamente: “Pensiamo di avere un argomento forte, è così che funziona la scienza”. Nel frattempo, lei e il suo team vogliono cercare in più archivi tali modelli. Come previsto, il suo studio è già stato criticato. Ecco come sottolinea l’astronomo Hugh Osborne del Massachusetts Institute of Technology su TwitterIl telescopio spaziale TESS ha osservato più stelle e non ha trovato un solo esopianeta vicino a un periodo orbitale così lungo. lavoro di ricerca Con la presentazione del primo presunto esopianeta apparso sulla rivista Nature Astronomy.


(mese)

alla home page

READ  L'incidenza del Corona diminuisce per il sesto giorno consecutivo