Novembre 28, 2021

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

L’olio di palma può favorire la diffusione dei tumori nel corpo

L’olio di palma si trova in molti alimenti, soprattutto nei fast food. Secondo un nuovo studio sui topi, l’acido palmitico che contiene può favorire la diffusione delle metastasi.

Pizza, patatine fritte e creme spalmabili al cioccolato, ma anche shampoo, bagnoschiuma, creme per la pelle, candele, detergenti e lubrificanti: l’elenco dei prodotti con olio di palma può continuare. Il problema: il componente principale dell’olio di palma è la palmitina: questo acido grasso, con un consumo a lungo termine, può favorire la diffusione di tumori nella bocca e nella pelle. Questo è il risultato di un recente studio spagnolo pubblicato sulla rivista specializzata “Nature”.

Gli acidi grassi nell’olio di palma sono stati visti in modo critico per molto tempo

Salvador Aznar-Pineta è professore presso l’Istituto per la ricerca biomedica (IRB) di Barcellona e autore principale dello studio. In un’intervista al quotidiano britannico “The Guardian”, lo scienziato ha dichiarato: “C’è qualcosa di molto speciale nell’acido palmitico, che promuove fortemente le metastasi”.

L’acido linoleico o acido oleico si trova ad esempio nei semi di lino o nell’olio d’oliva. Aznahr-Benitah e il suo team notano che questi acidi grassi non promuovono la formazione di metastasi. Gli scienziati affermano che nessuno degli acidi grassi omega-6 e omega-9 testati generalmente aumenta il rischio di cancro.

Sembra differire dalla palmitina. Lo studio IRB, condotto sui topi, ha dimostrato che questo acido grasso favorisce la formazione di metastasi a lungo termine. Secondo i ricercatori, le cellule tumorali continuano a diffondersi rapidamente anche se sono state a contatto con l’acido palmitico per un breve periodo di tempo.

READ  Shock dopo la puntura: la coppia non ha anticorpi nonostante la vaccinazione contro il Corona

Interessante anche: Un monaco indiano tiene il braccio alzato da quasi 50 anni – perché non può più abbassarlo?

Per diffondersi – o metastatizzare – le cellule tumorali hanno bisogno di determinati nutrienti. Secondo i ricercatori, dipendono fortemente dagli acidi grassi. Lo studio IRB mostra che i tumori del cavo orale e della pelle hanno maggiori probabilità di diffondersi quando ai ratti viene somministrato anche acido palmitico. Attraverso cambiamenti genetici nelle cellule colpite, l’acido palmitico sembra rigenerare le cellule cancerose. Di conseguenza, possono formarsi nuove reti di cellule che non appartengono direttamente al tumore. Tuttavia, ciò incoraggerebbe la diffusione del cancro.

Interessante anche: Possibili cause di acidità cronica e rischi a lungo termine

Come spiega Salvador Aznar-Benetah, lo studio potrebbe aiutare a trovare modi per prevenire la malignità. Il ricercatore e il suo team stanno ora pianificando un altro studio utilizzando proteine ​​speciali che interferiscono con la pericolosa interazione dei tumori con l’acido palmitico presente nell’olio di palma. Questo è un approccio terapeutico più realistico rispetto alla prescrizione di diete specifiche per i pazienti, indipendentemente dal fatto che a loro piaccia la pizza o la Nutella, per esempio.

  1. Pascual, G, Dominguez, D, Elosua-Baes, M et al. (2021). L’acido palmitico alimentare migliora la memoria promacetica attraverso le cellule di Schwann. temperamento natura.
  2. Hannah Devlin. L’acido nell’olio di palma è legato alla diffusione del cancro (Accesso 15-21 novembre.)