Settembre 19, 2021

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Le funzioni intellettuali riducono il rischio di demenza

Secondo uno studio dell’University College London, le persone che svolgono lavori mentalmente stimolanti hanno meno probabilità di sviluppare la demenza.

Le basi in breve

  • Secondo uno studio di Londra, le funzioni di stimolazione mentale dovrebbero ridurre il rischio di sviluppare demenza.
  • Alcune proteine ​​influenzano i rischi nell’invecchiamento.
  • Le attività di svago intellettuale sono escluse dalla prevenzione dei rischi.

secondo studio Dall’University College London, si dice che le persone usino funzioni di stimolazione mentale Hanno un minor rischio di sviluppare demenza in età avanzata. Stimolazione mentale disponibile secondo i ricercatori valori più bassi legati a proteine ​​specifiche. Questo riduce la capacità delle cellule cerebrali di creare nuove connessioni.

Questi sono gli assoni e la neuromodulazione. I risultati si basano su studi condotti nel Regno Unito, in Europa e negli Stati Uniti. Secondo gli scienziati, la stimolazione cognitiva può prevenire o ritardare l’insorgenza della demenza.

Gli ultimi studi a lungo termine Ma presumeva che le attività di svago intellettuale non riducessero il rischio.

Maggiori informazioni su questo argomento:

Lavori di studio


READ  Metropoli di San Paolo: tasso di vaccinazione del 104% - come può essere?