Settembre 19, 2021

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

L’Afghanistan è diventato l’incubo di Biden: crescono le critiche al presidente degli Stati Uniti

Joe Biden arriva alla base aeronautica della Guardia nazionale del Delaware il 12 agosto 2021. Foto: pietra angolare

L’Afghanistan è diventato l’incubo di Joe Biden: crescono le critiche al presidente degli Stati Uniti

Joe Biden ha sempre creduto che le forze statunitensi non potessero porre fine al conflitto in Afghanistan. Per questo si attiene al ritiro delle truppe, nonostante le tragiche immagini dall’Afghanistan.

Renzo Rove, Washington / CH Media

come tale Joe Biden Questa settimana gli è stato chiesto se si fosse pentito della sua decisione di ritirare tutte le forze statunitensi Afghanistan Il presidente ha detto: “No”. Il suo paese, gli Stati Uniti d’America, ha investito più di 1000 miliardi di dollari negli ultimi 20 anni e ha fornito a 300.000 soldati afgani le più moderne attrezzature militari. Ora la palla è nelle mani delle istituzioni statali in Afghanistan. Biden ha detto:

Tuttavia, ne sono irrimediabilmente sopraffatti, come dimostra il progresso dei combattenti talebani: gli islamisti hanno catturato 18 dei 34 capoluoghi di provincia in una settimana, inclusa la seconda città più grande di Kandahar nel sud del Paese. Le città vengono ora consegnate ai talebani senza combattere.

Toni sempre più nitidi

Il presidente degli Stati Uniti è in gran parte solo nella sua valutazione, almeno a Washington. Gli alleati e i critici di Biden criticano aspramente la Casa Bianca per non aver anticipato con precisione la velocità e la brutalità dell’avanzata dei talebani. Il senatore repubblicano Lindsey Graham Twitter di “disastro” e ha parlato cupamente delle conseguenze negative in altre parti del mondo. “Se perdi in un posto, fa male in un altro”, ha detto Graham del quotidiano online Axios.

Altre voci hanno suggerito che da quando è entrato in carica, Biden è stato molto desideroso di parlare del ritorno dell’America ai vertici delle democrazie occidentali grazie alla leadership che ha svolto. Il caotico ritiro dall’Afghanistan ora mostra che la realtà è diversa. Gideon Rachman ha scritto sul Financial Times:

Tuttavia, un punto è stato dimenticato: Biden aveva a lungo sostenuto che il continuo stanziamento di forze nel paese in cui Osama bin Laden aveva pianificato gli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001 non era nell’interesse dell’America. Ad esempio, nel 2010, durante un’accesa conversazione con un vecchio amico, l’allora vicepresidente disse: “Non restituirò mio figlio per essere lui. Vita Al fine di tutelare i diritti delle donne. Semplicemente non funziona.”

Il politico straniero Biden non era necessariamente noto per la sua serie positiva durante la sua lunga carriera a Washington. Tuttavia, nella disputa sul futuro delle istituzioni filo-occidentali dell’Afghanistan, le dichiarazioni di Biden mostrano una linea chiara e, curiosamente, è ben accolto non solo dalla sinistra del suo partito, ma anche tra i repubblicani isolazionisti. Quindi gli antenati rappresentavano tutto Donald Trump Una situazione simile a Biden prima che i suoi consiglieri militari potessero cambiare idea.

Che sia Biden o Trump: entrambi vogliono

Grazie per

Vuoi supportare Watson e la stampa? Per saperne di più

(Verrai reindirizzato per completare il pagamento)

5 franchi svizzeri

15 franchi svizzeri

25 franchi svizzeri

altro

tet attacco muori

1/23

tet attacco muori

Cosa: AB / AB

Momenti salienti del discorso inaugurale di Biden

Potrebbero interessarti anche:

Iscriviti alla nostra Newsletter

Un importante porto in Cina è chiuso a causa di un caso Corona: il mondo è minacciato da un nuovo caos nelle consegne

Le catene di approvvigionamento sono state duramente colpite dalla crisi del coronavirus. Ora c’è un messaggio che fa scalpore: un importante terminal portuale in Cina è stato chiuso, con conseguenze potenzialmente disastrose.

READ  Maiorca: per ora niente più feste fino a metà settembre

Solo poche settimane fa, la chiusura di un porto in Cina ha entusiasmato molti logisti. Tra la fine di maggio e la fine di giugno, il porto di Yantian nella parte orientale di Shenzhen, una delle aree economiche più importanti del mondo, è stato in gran parte chiuso. Quindi, dozzine di navi hanno dovuto aspettare o cambiare rotta e le merci sono state ritardate di settimane.

Ora un’altra brutta notizia attende l’economia mondiale: le autorità cinesi possiedono parte del Ningbo Zhoushan Port Group, che…

Link all’articolo