Dicembre 7, 2021

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

La vaccinazione contro l’HPV ha ridotto significativamente l’incidenza del cancro del collo dell’utero

Secondo uno studio britannico, l’introduzione del vaccino contro il papillomavirus umano (HPV) ha portato a una significativa riduzione del cancro cervicale.

Le basi in breve

  • La vaccinazione contro l’HPV ha ridotto l’incidenza del cancro del collo dell’utero in Inghilterra.
  • Il calo ha colpito in particolare le giovani donne che sono state vaccinate precocemente.

Introduzione alla vaccinazione Contro il papillomavirus umano (HPV) Ha portato a una minore incidenza di cancro cervicale in Inghilterra, secondo uno studio. Gli autori parlano della prima prova diretta di questo effetto dell’immunizzazione.

Confrontando il numero di casi di cancro della cervice uterina prima e dopo l’inizio del programma di vaccinazione HPV nel Regno Unito nel 2008 ha mostrato un “ribasso significativo”. Questo è quanto affermato nello studio pubblicato giovedì sulla rivista “The Lancet”. Il calo ha colpito in particolare le giovani donne che sono state vaccinate precocemente.

Lo studio deve continuare

“Il nostro studio fornisce la prima prova diretta dell’effetto Vaccino HPV (…) il verificarsi di crepes» Gli autori dello studio hanno scritto. Nelle donne di dodici anni che avevano già ricevuto il vaccino Cervarix, l’incidenza del cancro del collo dell’utero è stata ridotta dell’87 percento. Nelle donne che hanno ricevuto la vaccinazione di età compresa tra 16 e 18 anni, lo studio ha rilevato che la riduzione era del 34%.

Tuttavia, gli autori dello studio hanno riconosciuto che il loro studio aveva un valore informativo limitato. Hanno preso di mira solo le donne fino ai 25 anni. In questa fascia di età, il cancro del collo dell’utero si verifica raramente anche senza il vaccino HPV. Gli scienziati hanno scritto che lo studio dovrebbe continuare nei prossimi anni.

I paesi poveri non possono permettersi la vaccinazione

Il cancro cervicale è uno dei tipi più comuni di cancro tra le donne, uccidendo centinaia di migliaia di donne in tutto il mondo ogni anno. In quasi tutti i casi questo sarà crepes Causato dall’agente patogeno del papillomavirus umano, che viene trasmesso attraverso il contatto sessuale. I vaccini HPV esistono dalla metà degli anni 2000. Se possibile, la vaccinazione deve essere somministrata prima del primo contatto sessuale.

L’anno scorso, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha presentato una strategia globale per combattere il cancro del collo dell’utero. Gli autori dello studio Lancet sottolineano che, per vari motivi, la vaccinazione contro l’HPV è ancora insufficiente. I paesi poveri non possono permettersi le vaccinazioni. Un’ulteriore sfida risiede nel fatto che il vaccino deve essere costantemente refrigerato.

L’Inghilterra non è riuscita a raggiungere l’obiettivo dell’Organizzazione mondiale della sanità

“Anche in un paese ricco come l’Inghilterra con accesso alla vaccinazione HPV, non era così L’obiettivo fissato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità Raggiungi.” Questo è ciò che scrivono i ginecologi Maggie Cruikshank e Mihaela Gregor. Il risultato previsto include la vaccinazione del 90% delle ragazze di 15 anni. Inoltre, secondo gli autori dello studio, il CoronaDiffusione epidemica dei vaccini HPV.

In Germania, lo Standing Committee on Immunization (Stiko) raccomanda il primo vaccino HPV di età compresa tra 9 e 14 anni. Nel 2018, questa raccomandazione di vaccinazione per le ragazze è stata ampliata per includere i ragazzi.

Maggiori informazioni su questo argomento:

Corona virus Krebs studio dell’Organizzazione mondiale della sanità


READ  Antidepressivi per il cancro: il cancro al colon può essere curato presto?