Gennaio 22, 2022

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

La partecipazione di Djokovic si trasforma in una farsa: visto non valido? Djokovic bloccato all’aeroporto di Melbourne – sport

Contenuti

Novak Djokovic non ha ancora potuto entrare in Australia a causa di problemi di visto.

Esenzione medica? Sì! Visto valido? numero! Attualmente, Novak Djokovic non è riuscito ad entrare in Australia mercoledì ed è bloccato all’aeroporto di Melbourne. Sembra che il serbo sia arrivato con un visto non valido. Perché i documenti da lui presentati, secondo i media, non prevedevano esenzioni mediche per i non vaccinatori. Quindi Djokovic non poteva lasciare l’aeroporto fino a dopo mezzanotte.

Il tutto sembra una farsa finché non si conoscono tutti i dettagli sullo sfondo dell’esposizione dei singoli documenti. Non si escludono nemmeno vessazioni da parte delle autorità. Perché il primo ministro australiano Scott Morrison ha riportato la questione con poche parole diplomatiche quando Djokovic era ancora in aria. Al giocatore viene chiesto di dimostrare che l’esenzione è giustificata. In caso contrario, sarà deportato “dal primo aereo”. Morrison ha detto che non ci sarebbe stato un trattamento speciale per Novak Djokovic, non il più giovane.

Anche Tiley chiede risposte

E Craig Tiley, direttore del torneo per gli Australian Open, aveva precedentemente confermato che Djokovic non aveva ricevuto alcun trattamento speciale. Ma ha anche chiesto al numero uno del mondo di annunciare i motivi della sua esenzione medica.

“Sarebbe certamente utile se Novak spiegasse le sue ragioni per richiedere e ottenere l’esenzione medica”, ha detto Tilley. “Vorrei che parlasse alla comunità. Abbiamo attraversato un periodo molto difficile negli ultimi due anni e sarei grato per le risposte”.

In generale: il permesso speciale che Djokovic ha ricevuto per entrare in Australia, Ha provocato reazioni negative da parte di alcuni giocatori e di gran parte dei media locali. È misurato in diverse braccia, quindi afferma. La vaccinazione è già richiesta per entrare in Australia.

READ  Edon Zhegrova si trasferisce da FC Basilea a Lille OSC

Secondo Tilly, che è anche presidente della Tennis Australian Federation, 26 partecipanti o dipendenti delle 3.000 persone che hanno fatto il viaggio in Australia hanno chiesto un’esenzione. Anche solo pochi di loro l’hanno preso.