Settembre 24, 2021

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

La miocardite dopo l’infezione da corona è maggiore che dopo la vaccinazione

Coloro che contraggono il coronavirus hanno circa quattro volte più probabilità di sviluppare la miocardite rispetto a coloro che vengono vaccinati.

Le basi in breve

  • Le persone che non sono immunizzate hanno quattro volte più probabilità di sviluppare miocardite.
  • Un nuovo studio israeliano ha esaminato i dati di 1,7 milioni di persone.

Il risultato di un’analisi dei dati su 1,7 milioni di persone vaccinate e non vaccinate è chiaro. Se prendi il Covid-19, hai un rischio quattro volte maggiore di sviluppare la miocardite rispetto al vaccino.

Ampiamente studio Da Israele conferma il grande pericolo. Il studio Era mercoledì sulla rivista di settore “New England Journal of Medicine” il petto. Allo stesso tempo, l’esame dimostra ciò che i medici hanno notato molte volte.

Dopo essere stata vaccinata contro la corona, la maggior parte delle persone sperimenta lievi effetti collaterali. Mal di testa, dolore al sito di iniezione, stanchezza e talvolta febbre. In casi molto rari, puoi Anche gravi effetti collaterali si verificano caduta appaiono.

Miocardite dopo vaccinazione: solo casi individuali

Con il vaccino Biontech /Pfizer e Moderna, sono stati segnalati casi sporadici di miocardite. La maggior parte di loro erano giovani.

I ricercatori ce l’hanno dati È stato analizzato da 1,7 milioni di persone, metà delle quali sono immunizzate e l’altra metà no. È stato riscontrato che 2,7 su 100.000 persone vaccinate hanno sviluppato miocardite dopo 42 giorni. Delle persone non vaccinate che hanno contratto il Covid-19, 11 erano su 100.000.

L’infezione da corona virus aumenta secondo studio Oltre al rischio di malattie cardiovascolari, Infarti e trombosi.

Maggiori informazioni su questo argomento:

Pfizer sta studiando i dati del coronavirus


READ  Starlink & Co: in futuro l'inquinamento luminoso sarà peggiore in Europa centrale