Novembre 27, 2021

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

La febbre della caccia si è diffusa nell’economia

Laddove gli investitori sperano ancora in rendimenti davvero grandi è il modo in cui l’avidità sta facendo salire i prezzi.

Daniel Zulauf / ch media

Quasi cinque anni di duro lavoro e poi un colpo diretto. George Kern, il capo di Breitling, si è preso cura delle cose. La quota stipulata dall’ex pilota IWC quando è passato alla società di orologi Grenchen è ora di circa 150 milioni di franchi, circa tre volte e mezzo l’importo che il manager ha dovuto inserire nella sua dichiarazione dei redditi quando ha ottenuto il cinque per cento del capitale.

George Kern, presidente e comproprietario di Breitling.immagine: ch media

L’accordo Breitling è stato raggiunto attraverso una società americana chiamata CVC. Rappresenta il modello di business trovato in Stati Uniti d’America È diventata una parte indispensabile del mercato globale per le acquisizioni aziendali. CVC ha acquisito Breitling nel 2017 dall’allora proprietario privato Thédore Schneider al fine di lucidare la stimata azienda con l’aiuto di un nuovo team di gestione.

Il tempo della raccolta si sta accorciando sempre di più

I clienti CVC sono investitori istituzionali come fondi pensione o fondazioni. Forniscono alla società di investimento capitale per operazioni in stile Breitling. I contanti sono tradizionalmente fatti dopo sette-dieci anni. Ma la ruota gira più velocemente ora.

A ottobre, CVC ha venduto un quarto delle sue azioni a Zuger Partners Group. I clienti CVC hanno già pagato una parte del loro investimento dopo cinque anni. Il gruppo di partner opera secondo lo stesso modello di business di CVC e i clienti si aspettano lo stesso qui come là. In pochi anni, le società di investimento vogliono portare Breitling alla Borsa svizzera. Naturalmente, a un prezzo che supera ancora di più volte la valutazione attuale di circa tre miliardi di franchi. CVC e Partners Group sono società di private equity. La loro offerta è un grande successo con gli investitori istituzionali. Per 15 anni, sono stati sempre più alla disperata ricerca di investimenti ad alto rendimento in un contesto globale di tassi di interesse estremamente bassi. Il private equity promette proprio questo, motivo per cui le aziende stanno scaricando capitali.

READ  Il Credit Suisse ha sorvegliato l'ex marito del partner di Thiam?

Il private equity è la forza trainante nel fiorente business delle fusioni e acquisizioni. “Stiamo assistendo a un’ondata senza precedenti in tutto il mondo e che Svizzera “Non fa eccezione”, afferma il banchiere d’investimenti Nick Bossart, che dirige l’attività svizzera della banca statunitense JPMorgan.

Le banche di investimento realizzano ottimi profitti negli affari come consulenti e broker in grandi transazioni di titoli. Le società di private equity sono tra i fornitori di affari più affidabili. In ciascuna delle quattro maggiori acquisizioni della Svizzera nella prima metà di quest’anno, le società di private equity sono state dalla parte dell’acquirente o del venditore.

Ciò non è cambiato nella seconda metà dell’anno. Sika Construction Chemicals Group ha annunciato solo pochi giorni fa un accordo del valore di 5,5 miliardi di franchi svizzeri. Il venditore era la società di private equity Lone Star. In realtà ha portato il raccolto un anno dopo con rendimenti totali di oltre il 50 percento. Sika ha dovuto scavare a fondo nelle sue tasche per acquistare e non è da meno la colpa del private equity: “Vediamo prezzi record in Europa e i fondi di investimento spesso pagano multipli di acquirenti più alti rispetto a quelli strategici”, afferma Stefan Brucher di Consulenza Deloitte. Quando viene utilizzato il termine “acquirente strategico” significa società regolari come Sika, al contrario di società finanziarie come CVC o Partners Group.

Intensa competizione per i candidati all’acquisizione

“Anche i fondi comuni di investimento svolgono un ruolo importante nel mercato delle acquisizioni in Svizzera”, afferma Brücher. Quando si cercano potenziali acquirenti, saranno in forte concorrenza con acquirenti strategici. “Questo manterrebbe i prezzi a un livello elevato”.

READ  Il prossimo aumento si blocca: gli esperti vedono Bitcoin a $ 100.000

L’enorme quantità di denaro a basso costo è anche una potente forza trainante del boom. Il droghiere britannico Morrisons sta assumendo la proprietà della società di private equity CD&R per 7 miliardi di sterline in questi giorni. Ciò consente a Morrisons di prendere in prestito da solo i fondi necessari, dopotutto, anche i debitori molto moderati oggi contraggono prestiti solo per il 2 percento.

L’analista del credito Ed Ehrman dell’agenzia di rating Fitch a Londra vede segni che il boom delle acquisizioni sta fiorendo. “Potrebbe anche essere che conglomerati come General Electric si stiano dividendo nel fatto che gli investitori di private equity sono disposti a pagare prezzi elevati per acquistare singole parti della società”. È improbabile che tali strategie aziendali opportunistiche siano di buon auspicio per un successo sostenibile. C’è il rischio che questa febbre della caccia danneggi il panorama aziendale a lungo termine. (aargauerzeitung.ch)

Le 30 auto più vendute in Svizzera

1/32

Le 30 auto più vendute in Svizzera

Massimo profitto – a spese degli animali

Potrebbero interessarti anche: