Ottobre 23, 2021

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Immobiliare: la paura dei tassi spinge i mutuatari a tempi più lunghi

Il timore di un aumento dei tassi d’interesse sta lasciando il segno sul mercato ipotecario svizzero. I mutuatari ipotecari preferiscono i termini più lunghi. Vuoi bloccare il livello del tasso di interesse, che rimane basso, per un periodo di tempo più lungo.

Nel terzo trimestre del 2021, le preferenze sui termini sono cambiate rispetto al trimestre precedente, come mostra la scala dei mutui nel Confronto dei servizi di confronto. La durata media dei mutui intermedi è passata da meno di 7 anni a ben 8 anni.

Confronta e risparmia

Questo sviluppo è guidato, tra le altre cose, dalla preoccupazione che i tassi di interesse possano aumentare nei prossimi mesi, afferma l’esperto finanziario di Compars Frederic Pape. Sembra che i mutuatari vogliano assicurarsi l’attuale basso livello dei tassi di interesse. “A volte stipulano anche un mutuo di 15 anni”, dice Babb.

La paura di tassi di interesse più elevati è espressione di aspettative di inflazione più elevate. Negli ultimi anni i differenziali di tasso d’interesse medio tra 10, 5 e 2 ipoteche sono diminuiti.

Secondo il portale di confronto Moneypark, i tassi indicativi sono aumentati significativamente nel terzo trimestre, soprattutto a lungo termine. In generale, l’aumento dei tassi guida è compreso tra due e sei punti base, secondo Money Park. Con scadenze più lunghe ci si aspetterebbe un andamento laterale dei tassi di interesse. E dicono che “i mutui a breve termine potrebbero tornare a essere più convenienti”.

READ  Tutto sul cubo elettrico della città appena svelato