Dicembre 7, 2021

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Il vulcano è inquieto: la seconda grande colata di lava può raggiungere il mare a La Palma – Notizie

  • Un secondo flusso di lava potrebbe raggiungere il mare lunedì sull’isola vulcanica delle Canarie di La Palma e formare lì un nuovo promontorio.
  • Da un mese a questa parte, lava e cenere dominano gran parte delle Isole Canarie.
  • La colata lavica ha finora distrutto più di 1.800 case e l’isola è scossa ogni giorno da numerosi terremoti.

L’Istituto dei Vulcani della regione spagnola ha annunciato, domenica pomeriggio, che la massa calda di 1270 gradi centigradi si trova a circa 200 metri dal mare. La colata lavica scorre verso le pendici del mare ad una velocità di 15 metri all’ora.

Leggenda:

Lunedì una nuova grande colata lavica potrebbe raggiungere il mare. L’isola è già cresciuta molto a causa delle lingue di lava.

Chiave di volta

Il corso d’acqua principale si sta riversando nell’Oceano Atlantico da circa due settimane, creando una nuova area verticale che domenica era di circa 36 ettari. Adatto a circa 50 campi da calcio. La Palma dovrà essere rimappata.

La fine potrebbe non essere ancora imminente.

Nel frattempo, l’area colpita nella catena montuosa della Cumbre Vieja, nel sud della Palma, è stata nuovamente colpita domenica da dozzine di terremoti. Poiché, secondo le autorità, si verificano ancora scosse di magnitudo 4,6 a profondità superiori a 30 chilometri, non rappresentano un grande pericolo. Tuttavia, secondo gli esperti, indicano che il vulcano rimarrà attivo per qualche tempo. “Forse la fine non è ancora vicina”, ha detto domenica il presidente regionale delle Isole Canarie, Angel Victor Torres.

Leggenda:

La gente sta cercando di liberare una casa dalla cenere vulcanica – a Las Manchas a La Palma.

Chiave di volta

Da quando il vulcano è tornato attivo il 19 settembre per la prima volta in 50 anni, la lava ha completamente distrutto più di 1.800 strutture, secondo le ultime informazioni ufficiali diffuse domenica. 754 ettari erano ricoperti da uno strato di lava dello spessore di un metro. Questa zona corrisponde a più di mille campi da calcio. Circa 7.000 residenti hanno dovuto essere portati in salvo dall’eruzione del vulcano.

READ  Dopo i disordini, la situazione si è calmata al valico di frontiera bielorusso con la Polonia - Notizie