Novembre 30, 2021

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Il treno merci di Ralph dall’Italia è stato rifiutato a causa della scomparsa del “Green Pass”

Non posso andare in Italia. Sei dei 16 camionisti del treno merci RAlpin non avevano certificati di vaccinazione, quindi è dovuto tornare.

Riassumi l’essenziale

  • In Italia il “pass verde” è obbligatorio per lavorare.
  • Un treno merci con camion deve tornare alla frontiera.
  • Sei conducenti su 16 non dispongono di tale “pass verde”.

La squadra ferroviaria di RAlpin carica di merci è stata rimandata al confine italiano la scorsa settimana. Sei dei 16 conducenti della station wagonoperatori A partire dal BLS, FFS e Hupac Le autorità italiane non disponevano del “pass verde” richiesto.

Su richiesta dell’AWP, il management del Gruppo Soletta ha confermato le informazioni diffuse dal quotidiano italiano Ansa lo scorso fine settimana.

Si tratta quindi di un convoglio rotabile che collega Friburgo im Prisca con il terminal di Novera in Piemonte. “In questo caso, gli autisti viaggiano su un divano”, ha detto Ludwig Näf, CEO di RAlpin, all’agenzia di stampa AWP.

Il “Green Pass” è obbligatorio in Italia

“Il treno doveva tornare a Friburgo im Prizka ed essere scaricato perché non tutti i conducenti avevano un certificato governativo o un “pass verde” durante l’ispezione a Domodosola”, ha continuato il capo di Ralph.

Per motivi di sicurezza, un macchinista di una filiale italiana Inventario FFS Se deve esserci un treno, il manager ha detto che il vagone letto a Rolling Landstrais deve avere un “posto di lavoro” ed essere certificato. Per quanto ne sappiamo, i lavoratori in Italia hanno recentemente utilizzato il “Green Pass”.

Questa non è la prima volta che un convoglio torna, ha detto la NAF. Tempo metereologico: “Incidenti come questo accadono almeno tre volte l’anno”.

Controllo rigoroso

Per evitare un altro caso come questo o simile, Ralpin Freiburg im ha introdotto “rigorose restrizioni” sui suoi terminal in Breisgau e Novara. I camionisti che non hanno un certificato o un “pass verde” saranno allontanati. Näf afferma che molti di loro provengono dall’Europa dell’Est, dove c’è grande scetticismo sui vaccini o sulla disponibilità di vaccini approvati dall’Unione Europea (UE).

Maggiori informazioni su questo argomento:

Inventario FFS Umido BLS FFS


READ  I vigili del fuoco controllano la situazione in Sicilia