Novembre 30, 2021

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Il rover “Perseverance” della NASA effettua “osservazione chiave” su Marte: gli esperti sono entusiasti

  • a partire dalBandiera di Tanya

    Chiudere

Il rover “Perseverance” della NASA sta esplorando Marte e risolvendo un mistero cruciale subito dopo il suo arrivo. Non l’ha nemmeno iniziato.

Francoforte/Pasadena – Il rover “Persevering” della NASA affronta importanti missioni sulla superficie di Marte. Tra le altre cose, deve cercare segni di vita microbica primitiva sul Pianeta Rosso e ricercare la geologia e il clima passato di Marte. Il rover ha già risposto a una domanda importante con le prime immagini che ha inviato sulla Terra, ha annunciato ora la NASA. Le registrazioni e lo studio di accompagnamento sono stati pubblicati nella rivista scientifica.

“Questa è l’osservazione principale che ci assicura una volta per tutte che c’era un delta di un lago e di un fiume nel cratere di Jezero”, ha detto lo scienziato Nicholas Mangold, l’autore principale dello studio, in un messaggio della NASA. Oggi, il cratere Jezero, dove è atterrato Perseverance nel febbraio 2021, è molto secco. Ma una volta che l’acqua era lì, gli esperti hanno dedotto dalle registrazioni del rover marziano. Quindi il cratere Jezero 3,7 miliardi di anni fa era un lago alimentato da un piccolo fiume.

La navicella spaziale della NASA ha rivelato che il cratere Jezero su Marte era un lago collegato a un fiume

Le registrazioni mostrano anche agli esperti che il lago deve essere stato allagato. Secondo i ricercatori di Mangold nel loro studio, queste inondazioni hanno trasportato grosse pietre per chilometri lungo il fiume e le hanno depositate nel lago dove si trovano ancora oggi.

Immaginate il cratere Jezero su Marte come ricercato secondo le ultime scoperte.

© Nasa / JPL-Caltech / MSSS / GPL

Non è un caso che la “perseveranza” colpisca il bersaglio poco dopo il suo arrivo. Il sito di atterraggio al cratere Jezero è stato scelto dagli esperti della NASA con il sospetto che un tempo vi scorresse l’acqua. Le registrazioni degli orbiter di Marte hanno mostrato in precedenza che il cratere Jezero sembra un lago asciutto collegato al delta di un fiume. “Il rover ha risolto uno dei più grandi misteri senza andare da nessuna parte”, afferma lo scienziato planetario Benjamin Weiss. “Fino a quando non siamo arrivati ​​lì, la domanda era sempre: il cratere è mai stato un lago?”

READ  Corona - Germania: il contagio aumenta di sette giorni a 81,9

Il rover “Persevere” della NASA: nessuna rivelazione accidentale

Gli esperti di Marte ritengono che un tempo esistesse l’acqua sulla superficie del Pianeta Rosso, ma si è prosciugata circa 3,5 miliardi di anni fa. A quel tempo, secondo lo stato attuale delle ricerche, Marte perse il suo campo magnetico e gradualmente perse la sua atmosfera. Un’altra teoria suggerisce che Marte fosse troppo piccolo per contenere l’acqua in modo permanente.

Il piano della NASA: la “perseveranza” del Rover è visitare l’ex delta del fiume

Nel frattempo, il rover “Perseverance” ha percorso circa 2,6 chilometri all’interno del cratere Jezero e, se tutto va secondo i piani, individuerà anche le rocce che ha catturato a distanza per risolvere da vicino il mistero del lago. Il rover dovrebbe dirigersi verso l’ex delta del fiume per prelevare campioni di terreno.

Gli esperti ritengono che i sedimenti dell’ex lago possano contenere tracce di vita precedente nell’acqua. Pertanto, la “perseveranza” dovrebbe raccogliere anche tali campioni. “Ora abbiamo l’opportunità di cercare fossili”, spiega Tanya Bosak del Massachusetts Institute of Technology.

Al cratere Jezero su Marte, il rover “Perseverance” della NASA ha scoperto prove di acqua. (impressione d’artista)

©NASA/JPL-Caltech/Università dell’Arizona

Il rover “Perseverance” della NASA: i campioni di suolo verranno inviati da Marte alla Terra

I campioni di suolo raccolti da Perseverance verranno conservati dal rover sulla superficie di Marte e una futura missione riporterà i campioni da Marte sulla Terra, dove potranno essere esaminati direttamente dagli scienziati. “Ci vorrà del tempo per ottenere le pietre in cui speriamo di trovare tracce di vita. È una maratona con un grande potenziale”, ha continuato Boussac.

READ  Nuovi sintomi nella variante delta: ecco cosa hanno riportato le persone colpite

Tutte le novità importanti Riceverai astronomia e viaggi nello spazio attraverso la nostra newsletter Direttamente nella tua casella di posta.

Fino ad allora, tuttavia, la ricerca deve fare affidamento sulla “perseveranza” e sul vecchio rover Curiosity della NASA, che sta conducendo ricerche in un’altra regione di Marte. “Una migliore comprensione del cratere Jezero è la chiave per comprendere i cambiamenti idrologici nell’area”, ha detto lo scienziato perseverante Sanjeev Gupta in una dichiarazione della NASA. “Questo potrebbe fornire preziose informazioni sul motivo per cui l’intero pianeta si sta prosciugando”.

Weiss ha un’altra speranza: è possibile trovare il tempo nella roccia in cui il cratere “è passato da un ambiente abitabile simile alla Terra a questo deserto devastato”, spiega. “Questi letti in rovina potrebbero essere registrazioni di questa transizione. Non l’abbiamo visto altrove su Marte. “(scheda)