Settembre 24, 2021

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Il mondo è tornato! E Basilea in mezzo

Sono passati 200 anni da quando la tempesta ha colpito la Terra e gran parte dell’umanità è stata spazzata via. E se uno scenario del genere fosse realmente accaduto? Il regista di Basilea Tim Feilbaum risponde a questa domanda nel suo film Tides.

Fehlbaum: “Il business dovrebbe essere unico”

Alcuni sopravvissuti sono riusciti a salvarsi con le astronavi sul pianeta Kepler 209. Tuttavia, diventa presto chiaro che l’atmosfera sta rendendo le persone sterili. “Prima avevamo pianificato un altro lavoro. Il focus era su una missione su un altro pianeta, spiega Feilbaum. Tuttavia, la vita su un altro pianeta è estremamente improbabile, perché la Terra con le sue condizioni è unica. Ecco perché ci è venuta l’idea di includere l’aspetto della sterilità nel film. Questo rende la trama più realistica”.

Per garantire la loro sopravvivenza, un equipaggio di astronauti viene inviato sulla Terra. Molti altri film parlano di come le persone lasciano la Terra. “Volevamo raccontare la storia al contrario”, afferma Feilbaum. Tuttavia, il ritorno sulla Terra non sta andando come previsto. Inizia una corsa contro il tempo per gli astronauti.

L’edificio espositivo diventa una stazione spaziale

Gran parte delle registrazioni sono state effettuate nel mare di Wadden, nel Mare del Nord. Tuttavia, le scene acquatiche nei film sono costose, ha osservato Fellbaum il secondo giorno di riprese. “Il mare di Wadden è inondato due volte al giorno. Quindi le strutture per le riprese sul sito devono essere costantemente smantellate e ricostruite”, spiega Fehlbaum. Per non rompere il budget, Fehlmann ha deciso di girare alcune scene nella sua città natale.

READ  Michael Wendler risponde a Dieter Bohlen: "Debole!"

Divenne presto chiaro: l’edificio delle mostre sarebbe stato teatro di molte scene di film. «Quando stavo aspettando il tram al quartiere fieristico, l’edificio della mostra ha attirato la mia attenzione. Ero affascinato da questa architettura”, afferma Feilbaum. Insieme alla troupe cinematografica di Basilea, l’edificio della mostra è diventato una stazione spaziale da cui è stato lanciato un razzo.

“Tides” è stato presentato in anteprima il 26 agosto e ora può essere visto nei cinema svizzeri.

La Messe Basel Dome è diventata una stazione spaziale nel film “Tides”. (Foto: Telebasel)