Settembre 25, 2021

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

I quinti che si sono ripresi non sviluppano protezione immunitaria

In genere

Oggi • 12:41
/ 2 minuti di lettura

Immagine icona / shutterstock size=”50vw” srcset=”https://news.google.com/2021/08/Coronavirus-Antikoerper-300×218.jpg 300w, https://news.google.com/2021/08/Coronavirus-Antikoerper- 1024×745 .jpg 1024w, https://news.google.com/2021/08/Coronavirus-Antikoerper-768×558.jpg 768w, https://news.google.com/2021/08/Coronavirus-Antikoerper-1536×1117.jpg 1536w , https://news.google.com/2021/08/Coronavirus-Antikoerper.jpg 2048w” class=”wp-image-41792621″/>
Immagine icona / shutterstock

La protezione è fornita solo da anticorpi contro l’RBD ripiegato.

Circa il venti percento delle persone che si sono riprese dal Covid-19 non sviluppa una protezione immunitaria contro SARS-CoV-2. I ricercatori di MedUni Vienna sono giunti a questa conclusione in uno studio. La protezione contro l’attracco e la penetrazione nelle cellule del corpo viene stabilita solo se si formano anticorpi contro il dominio di legame del recettore ripiegato (RBD) della proteina spike. Tuttavia, alcune persone non possono farlo, forse anche con i vaccini attuali.

Analisi della risposta anticorpale

In uno studio di follow-up ora pubblicato sulla rivista specializzata “Allergy”, l’allergologo e immunologo Valenta e il suo team hanno analizzato la risposta anticorpale di un gruppo più ampio dopo un’infezione lieve e grave con SARS-CoV-2. Lo studio è stato condotto con l’ausilio della tecnologia dei microarray sviluppata presso MedUni Vienna, dove un gran numero di antigeni virali viene applicato a un vetrino microscopico dalla macchina. Inoltre, sono stati fissati frammenti proteici sovrapposti (peptidi) di questi antigeni virali, coprendo l’intera proteina spike su cui si trova il dominio di legame al recettore (RBD). Con questo, SARS-CoV-2 si lega al recettore ACE2 delle cellule umane.

Virus del tallone d’Achille

Alti livelli di anticorpi contro la proteina spike ripiegata e soprattutto contro l’RBD che contiene impediscono al virus di legarsi alle cellule del corpo umano, questa la conclusione. Tuttavia, se qualcuno non è in grado di aumentare gli anticorpi contro l’RBD ripiegato, è scarsamente protetto. I ricercatori hanno anche dimostrato che solo l’RBD piegato, ma non l’RBD spiegato, genera una protezione immunitaria al momento della vaccinazione. Pertanto, poiché i vaccini genetici attualmente utilizzati imitano l’infezione, è possibile che le scoperte vaccinali possano essere spiegate dalla mancanza di anticorpi contro l’RBD ripiegato.

READ  Corona - Germania: il contagio aumenta di sette giorni a 81,9