Novembre 28, 2021

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Halloween: i tuoi costumi sono così spaventosi

Perché festeggiamo Halloween?

Ci sono molte leggende e sfondi dietro la creazione di Halloween. Alla fine, è un miscuglio di costumi e storie culturali diverse che si sono sviluppate negli anni e si sono formate in un tutt’uno. Parte di essa proviene dai Celti, la tradizione delle zucche intagliate si basa su una leggenda irlandese e il nome a sua volta ha coniato un’altra festività.

Da dove viene il nome Halloween?

La parola Halloween deriva dalla parola inglese All Hallows’ Eve, che significa “la sera prima di Halloween”. Halloween il 31 ottobre è seguito dalla festa cattolica di Tutti i Santi il ​​1 novembre. Il fatto che la festa di Halloween del 31 ottobre abbia uno sfondo completamente diverso e provenga dai Celti.

Perché Halloween si festeggia il 31 ottobre?

A quel tempo, più di 5.000 anni fa, il 31 ottobre terminava l’anno solare del paganesimo celtico. L’estate è finita e segue la stagione fredda e buia.

Perché ci vestiamo e raccogliamo dolci ad Halloween?

Questa usanza può essere fatta risalire anche ai Celti. La notte del primo giorno del nuovo anno dal 31 ottobre al 1 novembre, questo passaggio era noto come Samhain e le anime di coloro che sono morti l’anno scorso, secondo la credenza dei Celti, hanno avuto l’opportunità di tornare al luogo dalle loro vite precedenti. Per placare i fantasmi, le streghe e i demoni che erano tornati dagli inferi quella notte, davanti alla porta d’ingresso venivano poste delle offerte sotto forma di cibo e bevande.

Oggi, anche i bambini e, non di rado, gli adulti si travestono e vanno di casa in casa a forma di fantasmi e richiedono rappresentazioni adeguate. È anche possibile che lo slogan “dolcetto o scherzetto” in inglese “dolci cose o c’è una cura” derivi dalla credenza celtica. Coloro che non facevano le offerte agli spiriti dovevano aspettarsi che gli spiriti arrabbiati danneggiassero la casa e gli abitanti.

READ  Bolsonaro deve mangiare la pizza a New York

Cosa c’entra la zucca con Halloween?

La zucca si illumina con una candela dentro, illumina la notte con un cipiglio spettrale ad Halloween. Questa usanza deriva da una leggenda tramandata dagli immigrati irlandesi negli Stati Uniti. Secondo la storia, il maniscalco irlandese Jack Oldfield ha vinto il diavolo quando ha cercato di catturarlo. Dopo la sua morte, però, gli fu negato anche l’ingresso in paradiso; Non poteva andare all’inferno perché Satana gli aveva dato la sua parola di non venire da lui.

Quindi il diavolo ha rimandato Jack da dove veniva. Il sentiero era freddo e ventoso, quindi per pietà, Jack ricevette carbone ardente da Hellfire. Lo mise in una rapa cava che aveva portato con sé come vettovagliamento. Tra il paradiso e l’inferno, l’anima dannata di Jack vagò nell’oscurità d’ora in poi. Fu così che nacque finalmente l’abitudine di svuotare le viti e accenderle con le candele. Forse anche da questo dipenderà il nostro trasferimento a Räbeliechtli. Il fatto che sia stata l’ultima zucca è probabilmente dovuto alla stagione, perché gli anelli di zucca autunnali e gli esemplari grandi sono più facili da intagliare e ancora più terrificanti.

Perché le smorfie vengono intagliate nelle zucche di Halloween?

La leggenda di Jack Ollantern, cioè Jack con la lanterna, afferma che le zucche cave o le viti erano dotate di luci, ma non spiega le rughe incise in esse. Questa usanza proviene dai Celti, che nella notte di Samhain scolpivano facce scure nel legno e in altri materiali e le accendevano con le candele.

Sono stati messi sui loro davanzali e volevano far sapere agli spiriti e ai demoni della Notte di Samhain che c’era uno spirito maledetto che viveva già qui. Credevano che questo non avrebbe perseguitato la casa e i suoi occupanti.

Perché festeggiamo Halloween?

Ci sono molte leggende e sfondi dietro la creazione di Halloween. Alla fine, è un miscuglio di costumi e storie culturali diverse che si sono sviluppate negli anni e si sono formate in un tutt’uno. Parte di essa proviene dai Celti, la tradizione delle zucche intagliate si basa su una leggenda irlandese e il nome a sua volta ha coniato un’altra festività.

READ  Il blocco termina dopo 106 giorni: la Grande Sydney rilassa le persone vaccinate

Da dove viene il nome Halloween?

La parola Halloween deriva dalla parola inglese All Hallows’ Eve, che significa “la sera prima di Halloween”. Halloween il 31 ottobre è seguito dalla festa cattolica di Tutti i Santi il ​​1 novembre. Il fatto che la festa di Halloween del 31 ottobre abbia uno sfondo completamente diverso e provenga dai Celti.

Perché Halloween si festeggia il 31 ottobre?

A quel tempo, più di 5.000 anni fa, il 31 ottobre terminava l’anno solare del paganesimo celtico. L’estate è finita e segue la stagione fredda e buia.

Perché ci vestiamo e raccogliamo dolci ad Halloween?

Questa usanza può essere fatta risalire anche ai Celti. La notte del primo giorno del nuovo anno dal 31 ottobre al 1 novembre, questo passaggio era noto come Samhain e le anime di coloro che sono morti l’anno scorso, secondo la credenza dei Celti, hanno avuto l’opportunità di tornare al luogo dalle loro vite precedenti. Per placare i fantasmi, le streghe e i demoni che erano tornati dagli inferi quella notte, davanti alla porta d’ingresso venivano poste delle offerte sotto forma di cibo e bevande.

Oggi, anche i bambini e, non di rado, gli adulti si travestono e vanno di casa in casa a forma di fantasmi e richiedono rappresentazioni adeguate. È anche possibile che lo slogan “dolcetto o scherzetto” in inglese “dolci cose o c’è una cura” derivi dalla credenza celtica. Coloro che non facevano le offerte agli spiriti dovevano aspettarsi che gli spiriti arrabbiati danneggiassero la casa e gli abitanti.

Cosa c’entra la zucca con Halloween?

La zucca si illumina con una candela dentro, illumina la notte con un cipiglio spettrale ad Halloween. Questa usanza deriva da una leggenda tramandata dagli immigrati irlandesi negli Stati Uniti. Secondo la storia, il maniscalco irlandese Jack Oldfield ha vinto il diavolo quando ha cercato di catturarlo. Dopo la sua morte, però, gli fu negato anche l’ingresso in paradiso; Non poteva andare all’inferno perché Satana gli aveva dato la sua parola di non venire da lui.

READ  Soccorso animali a Kabul - Non si accettano documenti di attivisti per i diritti degli animali

Quindi il diavolo ha rimandato Jack da dove veniva. Il sentiero era freddo e ventoso, quindi per pietà, Jack ricevette carbone ardente da Hellfire. Lo mise in una rapa cava che aveva portato con sé come vettovagliamento. Tra il paradiso e l’inferno, l’anima dannata di Jack vagò nell’oscurità d’ora in poi. Fu così che nacque finalmente l’abitudine di svuotare le viti e accenderle con le candele. Forse anche da questo dipenderà il nostro trasferimento a Räbeliechtli. Il fatto che sia stata l’ultima zucca è probabilmente dovuto alla stagione, perché gli anelli di zucca autunnali e gli esemplari grandi sono più facili da intagliare e ancora più terrificanti.

Perché le smorfie vengono intagliate nelle zucche di Halloween?

La leggenda di Jack Ollantern, cioè Jack con la lanterna, afferma che le zucche cave o le viti erano dotate di luci, ma non spiega le rughe incise in esse. Questa usanza proviene dai Celti, che nella notte di Samhain scolpivano facce scure nel legno e in altri materiali e le accendevano con le candele.

Sono stati messi sui loro davanzali e volevano far sapere agli spiriti e ai demoni della Notte di Samhain che c’era uno spirito maledetto che viveva già qui. Credevano che questo non avrebbe perseguitato la casa e i suoi occupanti.