Settembre 24, 2021

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Gli ultimi sviluppi della guerra civile

Gli ultimi sviluppi

I talebani hanno preso il potere in Afghanistan e il presidente Ghani ha lasciato il paese. Il ritiro delle forze internazionali sta causando il caos in tutto il Paese. Solo l’aeroporto di Kabul rimane l’ultima opzione per la partenza dal Paese.

Nonostante l’ascesa al potere dei talebani, le ragazze e le donne in Afghanistan devono continuare ad avere il permesso di frequentare scuole e università.

Stringer/EPA

Gli ultimi sviluppi

  • Secondo le forze armate tedesche, domenica 22 agosto la situazione intorno all’aeroporto di Kabul si è leggermente attenuata. Dopo che sabato c’erano state condizioni “tragiche” tra la folla davanti ai cancelli dell’aeroporto chiusi, la situazione ora è “relativamente calma”. E sabato era davanti all’aeroporto perché i suoi ingressi erano chiusi per scene drammatiche in mezzo a una folla di migliaia di disperati che speravano di affrontare i voli di evacuazione. Come annunciato domenica dal governo britannico, sette persone sono state uccise tra la folla. I morti sono civili afgani.
  • Martedì (24 agosto) si terrà il dichiarato vertice speciale dei paesi del G-7 sull’instabilità della situazione in Afghanistan. Lo ha annunciato domenica su Twitter il primo ministro britannico Boris Johnson. La Gran Bretagna attualmente presiede il gruppo delle principali nazioni industrializzate occidentali. Sono inclusi anche Germania, Francia, Italia, Canada, Giappone e Stati Uniti. I capi di Stato e di governo dei paesi del G7 vogliono discutere su come andare avanti in una videoconferenza. Johnson ha scritto che è fondamentale per la comunità internazionale lavorare insieme per garantire evacuazioni sicure e prevenire una catastrofe umanitaria.
  • Le forze armate tedesche hanno trasferito altre 196 persone dall’Afghanistan. Il comando delle operazioni ha dichiarato su Twitter che un aereo da trasporto A400M è decollato domenica 22 agosto alle 11:19 ora legale (CEST) dall’aeroporto di Kabul in direzione dell’Uzbekistan. Secondo le sue cifre, ora è probabile che la Bundeswehr abbia eseguito più di 2.300 persone. Diversi corrieri militari della Bundeswehr si stanno spostando tra Kabul e Tashkent, dove è previsto che gli sfollati inizino il loro viaggio verso la Germania. In precedenza, l’A400M varato a Kabul poteva portare solo 20 persone nella capitale uzbeka. I numeri più bassi potrebbero essere dovuti al fatto che, a causa della folla caotica intorno all’aeroporto, non abbastanza personale di sicurezza può raggiungere l’aeroporto ed essere rilasciato in tempo, e alle macchine vengono assegnati solo slot molto stretti per il decollo.
  • In Afghanistan la gente ha finito i soldi. I residenti di Kabul hanno detto a dpa che i bancomat in città erano quasi vuoti. Le banche e il mercato dei cambi sono stati chiusi per una settimana. Un residente ha affermato che la sua banca aveva fissato un limite massimo di prelievo di 10.000 afghani (circa 100 euro). La pagina Facebook del ministero delle Finanze domenica sera, 22 agosto, ha affermato che la Banca centrale, le banche private e altre istituzioni finanziarie torneranno presto al lavoro. Si diceva anche che dall’inizio del “nuovo governo islamico”, gli stipendi di tutti i dipendenti pubblici dello Stato sarebbero stati pagati come prima.
  • Il governo britannico sta lavorando per estendere la missione di salvataggio dall’Afghanistan oltre il 31 agosto. “Forse gli americani possono rimanere più a lungo, quindi avranno il nostro pieno sostegno se lo fanno”, ha scritto domenica 22 agosto il segretario alla Difesa Ben Wallace, in una mail per gli ospiti sul Mail on Sunday. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden aveva precedentemente fissato l’obiettivo di completare le evacuazioni entro la fine del mese e non voleva impegnarsi per l’estensione. Il “Times” britannico aveva riferito sabato, citando dipartimenti governativi, che Londra vuole lanciare una campagna a Washington per espandere l’operazione.
  • La Svizzera ha sostenuto l’Afghanistan con circa 500 milioni di franchi svizzeri negli ultimi 20 anni. Lo conferma il ministero degli Affari esteri (Eda) in “Sonntagsblick” e “Sonntagszeitung”. Il denaro è anche fluito in Afghanistan da quando i talebani sono saliti al potere. La Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC) vuole ora studiare fino a che punto i progetti attuali devono adattarsi. L’Afghanistan è un Paese prioritario per la Svizzera in termini di aiuto allo sviluppo. Recentemente, i settori dell’istruzione e dell’agricoltura in particolare sono stati sostenuti da circa 30 milioni di franchi svizzeri all’anno.
  • La Svizzera vuole offrire i suoi buoni uffici nel conflitto in Afghanistan. Il Cancelliere federale Ignazio Cassis ha incaricato il Ministero degli Affari Esteri del Dipartimento degli Affari Esteri di studiare l’attuazione della Conferenza afghana sul suolo svizzero. Questo riporta “Domenica neozelandese” Citando diverse fonti. Lo scopo di tale conferenza potrebbe essere, ad esempio, organizzare un corridoio umanitario fuori dall’Afghanistan o negoziare con i talebani.
  • A causa della difficile situazione di sicurezza intorno all’aeroporto di Kabul, la Svizzera ha posticipato il volo di evacuazione svizzero previsto per sabato (21 agosto). Come riportato dal Ministero degli esteri (DFAE), da venerdì la situazione è “significativamente peggiorata”. Quindi ci sono molte persone davanti all’aeroporto ea volte accadono rivolte violente. Questo rende quasi impossibile raggiungere l’aeroporto. Quindi solo poche persone potevano essere trasportate da Kabul a Tashkent in Uzbekistan. Il volo per Tashkent pianificato dagli svizzeri avrebbe dovuto riportare in Svizzera i cittadini svizzeri che erano fuggiti lì.

READ  La Nuova Zelanda è fuori dal blocco dopo tre settimane