Gennaio 27, 2022

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Gli alimenti ricchi di vitamina D possono ridurre la mortalità – Pratica medica

Ridurre le morti per cancro con l’aiuto della vitamina D.

In studi precedenti, la vitamina D è già stata collegata più volte a un effetto protettivo contro il cancro. In uno studio attuale, gli esperti del Centro tedesco per la ricerca sul cancro (DKFZ) hanno utilizzato un modello di calcolo per dimostrare che “gli alimenti arricchiti con vitamina D possono ridurre la mortalità per cancro tanto quanto sostituirli con preparati vitaminici”.

Una nuova ricerca ha esaminato il potenziale della vitamina D per la fortificazione degli alimenti nella prevenzione della mortalità per cancro. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista specializzata.Nutrienti“.

La fortificazione degli alimenti con vitamina D è utile?

In Canada, Svezia, Finlandia e Australia, latte, yogurt, succo d’arancia o cereali per la colazione con una porzione extra di vitamina D sono disponibili da tempo in ogni supermercato, riporta DKFZ. I programmi statali in questi paesi regolano gli alimenti fortificati con vitamine.

La vitamina D sta rivelando molteplici effetti positivi sulla salute e recentemente ne è stata somministrata una certa quantità, per esempio Effetto protettivo contro i gravi cicli di COVID-19 Imparentato. Inoltre, studi precedenti hanno già fornito prove per a L’effetto protettivo della vitamina D contro il cancro al colon. I ricercatori hanno affermato che il ruolo della vitamina D nella prevenzione di una varietà di malattie croniche, compreso il cancro, è in fase di studio.

Indagare la relazione con la mortalità per cancro

In tre meta-analisi di ampi studi clinici randomizzati, sono stati esaminati gli effetti della supplementazione di vitamina D sui tassi di mortalità per cancro negli ultimi anni. Sono giunti al consenso sul fatto che l’integrazione di vitamina D può ridurre la mortalità per cancro di circa il 13% in tutti i tumori, secondo il DKFZ.

READ  L'infiammazione nel cervello porta alla malattia di Alzheimer e alla demenza?

Nell’attuale studio, i ricercatori hanno ora studiato se l’effetto protettivo contro il cancro potrebbe essere raggiunto anche se le persone assumessero vitamina D attraverso cibi fortificati piuttosto che preparati speciali. Tuttavia, “è quasi impossibile esaminare direttamente l’effetto degli alimenti fortificati con vitamina D sulla mortalità per cancro con uno studio clinico classico”, spiega il leader dello studio Hermann Brenner del DKFZ.

Pertanto, il team di ricerca ha scelto un metodo indiretto per determinare l’effetto della vitamina D e ha cercato di determinarlo con l’aiuto di calcoli accurati del modello. Innanzitutto, sulla base di una ricerca sistematica della letteratura scientifica, i ricercatori hanno cercato di scoprire quale aumento dei livelli di vitamina D potrebbe essere ottenuto attraverso alimenti fortificati, riporta DKFZ.

È possibile ottenere un intervallo di dosaggio efficace

Con gli alimenti fortificati si può ottenere un aumento medio corrispondente ad un apporto di 400 unità internazionali (UI) di vitamina D. Secondo il direttore dello studio, questo è un intervallo di dosi che si è dimostrato efficace negli studi di sostituzione. “L’assunzione di 400 unità al giorno è stata associata a una riduzione dell’11% della mortalità per cancro”, riassume Brenner.

Naturalmente, come per tutti i calcoli tipici, ci sono ancora dubbi su quanta vitamina D aggiunta al cibo possa ridurre la mortalità per cancro. “Tuttavia, negli studi sulla fortificazione degli alimenti, osserviamo un aumento significativo del livello di vitamine associato a una significativa riduzione della mortalità per cancro negli studi sugli integratori”, ha affermato il leader dello studio.

Un approccio per evitare le morti per cancro

I ricercatori vedono gli alimenti fortificati con vitamina D come un modo economico e possibilmente altamente efficace per evitare la morte per cancro. Questo deve ora essere accuratamente verificato in ulteriori studi. In termini di costo della fortificazione con vitamina D, si può ipotizzare solo il 5% circa della quantità necessaria per fornire alla popolazione di 50 persone le compresse di vitamina D.

READ  Una risposta immunitaria più sostenuta attraverso le cellule B della memoria - La pratica della guarigione

Rispetto ai costi di trattamento del cancro risparmiati, i costi sarebbero significativamente inferiori. E raggiungeremo gruppi molto più grandi, ad esempio persone con una minore consapevolezza della salute che spesso hanno livelli particolarmente bassi di vitamina D”, aggiunge l’autore principale Tobias Niedermayer di DKFZ.

Mantieni la tua vitamina D al sole

In linea di principio, è possibile ottenere una quantità sufficiente di vitamina D anche esponendo la pelle alla luce solare, motivo per cui il DKFZ Cancer Information Service consiglia di fare il pieno di vitamina D per circa dodici minuti all’aperto due o tre volte alla settimana quando splende il sole. Il viso, le mani e, se possibile, le parti delle braccia e delle gambe dovrebbero essere esposte con o senza protezione solare, secondo il DKFZ. (fp)

Informazioni sull’autore e sulla fonte

Questo testo è conforme ai requisiti della letteratura medica specializzata, delle linee guida cliniche e degli studi attuali ed è stato esaminato da professionisti medici.

Risorse:

  • Tobias Niedermaier, Thomas Gredner, Sabine Kuznia, Ben Schöttker, Ute Mons, Hermann Brenner: potenziale degli alimenti fortificati con vitamina D nella prevenzione della mortalità per cancro: uno studio di modellizzazione; In: Nutrienti (pubblicato il 27/09/2021), mdpi.com
  • Centro tedesco per la ricerca sul cancro (DKFZ): gli alimenti arricchiti con vitamina D possono ridurre le morti per cancro (pubblicato il 25 novembre 2021), dkfz.de

nota importante:
Questo articolo è solo a scopo di orientamento generale e non è destinato all’uso per l’autodiagnosi o l’autotrattamento. Non può sostituire una visita dal medico.