Settembre 20, 2021

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Enrangetta calabrese sospettata – I mafioci hanno appiccato un incendio in Italia? – Novità all’estero

Reggio Calabria – L’agricoltore Francesco Sacke, 55 anni, era in piedi sul balcone della sua casa con un incendio alle pareti. “I corridoi erano coperti da coperchi, ma per fortuna la maggior parte dell’incendio non si è propagato al cortile”, afferma il 55enne.

Ma quello che è successo intorno alla sua fattoria nel comune di Rocafort del Greco (Calabria) dal 4 agosto è un disastro. In tutto il Parco Nazionale “Aspramonde”, innumerevoli incendi hanno distrutto la natura e ancora e ancora brucia in nuovi luoghi, il fumo delle fiamme che scorre nelle montagne e nelle valli. Venti particolarmente forti e caldo costante fino a 45 gradi nel pomeriggio non riducono il rischio. Nuovi pozzi per il fuoco continuano a scoppiare e i vigili del fuoco continuano a volare in mare per raccogliere l’acqua.


Francesco Sacke guarda il paesaggio bruciatoFoto: Stefano Laura

La cosa peggiore: “L’incendio è stato tutto appiccato da persone”, dice Sacke. Ed è arrabbiato. “Questa è la seconda volta che le fiamme minacciano la mia esistenza. I vigili del fuoco stanno cercando di sfrattarmi da qui” Questa è la situazione di altre famiglie nelle fattorie vicine.


Parco Nazionale

Il fuoco del parco nazionale “Aspromonde” brucia ancora e ancoraFoto: Stefano Laura

I suoi ulivi e castagni furono distrutti. Finocchi, zucchine, pomodori, mele, albicocche nei suoi terreni agricoli, in cui Sacke possiede 28 ettari: tutto bruciato.


Lancia bruciata sta sul ciglio della strada

Lancia bruciata sta sul ciglio della stradaFoto: Stefano Laura


Puoi vedere come le fiamme si sono fatte strada nell'aria

Puoi vedere come le fiamme si sono fatte strada nell’ariaFoto: Stefano Laura

“Quando sono arrivate le fiamme, i vigili del fuoco si sono arresi. Era un muro di fuoco. Io e il mio staff siamo stati gli ultimi a scappare”, hanno detto l’uomo d’affari e il padre di una figlia (7).

In una zona dove la mafia calabrese ha grande influenza nelle campagne di Entebbe, non è un segreto chi c’è dietro gli incendi. Ma le persone che non hanno lavoro e non hanno soldi hanno paura di parlare apertamente della mafia criminale.

Conte dei vigili del fuoco: Il parco nazionale è protetto dall’UNESCO ed è finanziato dall’Unione Europea. Ora l’azienda sta rimborsando le comunità per l’imboschimento, la ricostruzione e il riutilizzo.


L'avvocato Giovanni Bombardier è responsabile delle indagini di mafia

L’avvocato Giovanni Bombardier è responsabile delle indagini di mafiaFoto: Stefano Laura

Il BILD ha chiesto a un legale regionale che si occupa di strutture mafiose se c’era qualcosa in questo sospetto. Lui stesso è radicato nel regno della natura. Avvocato: “Non posso dimostrarlo, ma sospetto che in molte regioni le cose stiano andando in questa direzione”.


Mappa: Incendi nel Mediterraneo - Infografica

Giovanni Bombardieri, 59 anni, pubblico ministero di Reggio Calabria e responsabile delle indagini sulla mafia e sul terrorismo, ha dichiarato a Bildt: “Attualmente non ci sono prove sufficienti che la mafia sia responsabile degli incendi. Quando i fondi fluiscono dopo un incendio, dobbiamo stare attenti che nessuno di essi cada nelle mani sbagliate. Certo, la mafia è sempre interessata ai soldi. In passato era impossibile per le famiglie usare la terra fertile per lottare per la terra e usare il fuoco.

Smentisce: “È vero che il denaro è stato effettivamente utilizzato per altri scopi per acquistare attrezzature per spegnere l’incendio”.

L’uomo d’affari Socke non usa la parola mafia in questo contesto, dice: “Ci sono soldi per i servizi di emergenza da terra o in aria. Ma se ci sono troppi elicotteri per versare acqua, ma non sono tutti in uso, mi chiedo naturalmente dove sia andato a finire il resto dei soldi. “Il disastro naturale è stato utilizzato per creare denaro statale, che è stato poi confiscato attraverso canali criminali e corruzione.

Esige: “Abbiamo bisogno di personale ai margini del parco nazionale che possa proteggerci da un disastro e salvare le persone in tali situazioni”.


Il mare di fiamme avvolge di fumo la Calabria

Il mare di fiamme avvolge di fumo la CalabriaFoto: Stefano Laura

BILD ha avuto un’idea della situazione in Sicilia. Soprattutto nelle comunità a sud del vulcano Edna, le fiamme bruciano ancora e ancora, e in alcuni casi le persone hanno dato fuoco alle strade di campagna direttamente su alberi e arbusti. Drammatico: i soccorritori e i vigili del fuoco non sono in grado di estinguere la fonte dell’incendio. Se è così, con dispositivi a volte troppo piccoli.

Antonio Pietro Marzo, direttore generale ambiente e foresta dei Carabinieri, ha scelto parole chiare sull’incendio: “La polizia sta lavorando a stretto contatto con la magistratura per identificare i responsabili di queste ustioni. La maggior parte di questi sono incendi provocati dall’uomo. Ma non è facile identificare coloro che sono vigili del fuoco codardi.

Francesco Sacke sui Monti Aspramonde non ha voluto mollare. “Ci sarò. Anche se ci vorrà molto tempo, ricostruirò il mio paese”.

READ  Si sono uniti i saltatori in alto olimpici del Qatar e dell'Italia. Invece di saltare gli amici, hanno deciso di condividere la medaglia d'oro.