Novembre 27, 2021

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Drosten vede i booster come il modo: “Non abbiamo una pandemia non vaccinata”

Drosten vede i rinforzi come un modo
“Non abbiamo una pandemia non vaccinata”

Christian Drosten ritiene che sia sbagliato parlare di una pandemia che non è immune nell’attuale stato di Corona. “Abbiamo una pandemia a cui tutti stanno contribuendo”, afferma il virologo. Dato il numero crescente di casi, considera inevitabili le misure che limitano i contatti.

Il virologo Christian Drosten non crede nel parlare di una pandemia vulnerabile. “Non abbiamo una pandemia non vaccinata, abbiamo una pandemia. E abbiamo persone che sono ancora a grande rischio, gli anziani non vaccinati”, ha detto il capo virologo di Berlino Charité in un’intervista a Zeit. Tra le persone con più di 60 anni, la proporzione tra coloro che sono stati completamente vaccinati è dell’86 percento. “Questo è pazzesco, è davvero pericoloso”, ha aggiunto Drosten.

Il problema con la variante delta del coronavirus è che si diffonde nonostante la protezione dalla vaccinazione. Dopo due o tre mesi, la protezione contro la diffusione inizia a deteriorarsi. I gruppi di età più avanzata sono stati vaccinati in particolare in primavera. “Ora stanno gradualmente perdendo la loro protezione contro la proliferazione e stanno diventando sempre di più”, ha detto Drosten. “Abbiamo una pandemia a cui tutti stanno contribuendo, compresi quelli che sono stati vaccinati, anche se solo un po’ meno”.

Per ricevere la protezione vaccinale è necessario aggiornare le informazioni. “Quello che si può fare ora è fare una campagna di richiamo molto aggressiva, una campagna di vaccinazione di terze parti per tutti coloro che sono già stati vaccinati, a partire dagli anziani”, ha detto Drosten. “Questo probabilmente assicurerà che la mandria sia protetta almeno per tutto l’inverno”.

Con così tante persone ancora non vaccinate, il virologo ritiene che siano inevitabili restrizioni ancora più severe. “In assenza di alternative, si dovrebbe tornare alle procedure per limitare i contatti a causa di persone non vaccinate”, ha affermato Drosten. Quello che resta è il modello 2G, “assicurazione per i non vaccinati”. Il virologo dubita che questa misura ridurrà l’infezione nelle prossime settimane. “In ogni caso, spero che le scuole non chiudano di nuovo”, ha detto Drosten.

READ  In che modo alcuni alimenti danneggiano il cervello: una pratica curativa