Gennaio 22, 2022

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Dopo giorni di disordini, il presidente del Kazakistan chiede il ritiro delle forze russe

  • Dopo che il presidente del Kazakistan Kassym Shumart Tokayev ha chiesto sostegno a una coalizione militare a guida russa di fronte alle rivolte nel paese, le truppe dovrebbero iniziare a ritirarsi entro due giorni.
  • Secondo Tokayev, il compito principale delle truppe è stato completato.
  • Il Parlamento ha anche eletto un nuovo capo di governo, ha riferito la televisione di stato.

I primi soldati di una coalizione militare a guida russa dovrebbero lasciare il Kazakistan questa settimana. Come ha affermato il presidente Kasim Shomart Tokayev in un discorso al Parlamento, il ritiro dovrebbe iniziare gradualmente entro due giorni. “Il compito principale delle forze CSTO è stato completato”, ha detto Tokayev.

Solo lunedì gli stati membri dell’Organizzazione del Trattato per la sicurezza collettiva (OKVS) hanno discusso della situazione nell’ex repubblica sovietica. Tokayev ha detto che il pieno ordine è stato ripristinato in Kazakistan e ha descritto i disordini come un “tentato colpo di stato”. Sullo sfondo delle operazioni delle forze c’era una seria rivolta contro la leadership del Kazakistan.

I prezzi del carburante hanno scatenato proteste


Apri il petto
chiudi la scatola

I disordini sono scoppiati in Kazakistan una settimana fa a causa del malcontento per gli alti prezzi del carburante nelle stazioni di servizio nel paese ricco di petrolio e gas. Le manifestazioni si sono trasformate in proteste, anche violente, contro il governo.

Molte persone sono frustrate dalla corruzione e dall’abuso di potere nel paese. Sono scontenti della leadership autoritaria del Paese e di Nursultan Nazarbayev, che ha governato il Paese per quasi 30 anni fino al 2019. Molte persone accusano l’élite del Paese di arricchirsi, mentre la stragrande maggioranza della popolazione di circa 19 milioni rimane povera.

READ  Il vincitore della lotteria annega prima di poter riavere il biglietto

La scorsa settimana, il presidente Tokayev ha chiesto assistenza all’Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva. Quindi questo ha inviato migliaia di soldati nel paese, compresi i paracadutisti russi.

Ciò ha causato allarme in Occidente. All’inizio della settimana, il capo di Stato russo Vladimir Putin ha sottolineato che la diffusione è stata solo temporanea e non permanente. Oltre a Kazakistan e Russia, l’alleanza comprende anche Armenia, Bielorussia, Kirghizistan e Tagikistan.

Un nuovo primo ministro sulla scia dei disordini

Il parlamento kazako ha eletto martedì Alishan Smagilo nuovo capo del governo. Smagello aveva già ricoperto la carica temporaneamente dopo che il vecchio governo era stato dimesso una settimana fa, ha riferito la televisione di stato. Tokayev aveva recentemente proposto la carica di primo ministro all’età di 49 anni.

Il numero dei detenuti dopo le rivolte finora si è avvicinato a 10.000. Secondo l’agenzia di stampa Tengrin, il ministero dell’Interno ha affermato che circa 9.900 persone sono state arrestate durante i disordini.

Gli esperti ritengono che il presidente utilizzerà la crisi per cacciare il suo predecessore, l’ex presidente Nursultan Nazarbayev. Anche dopo le sue dimissioni nel 2019, era considerato l’uomo più potente del Kazakistan. Tokayev ha recentemente respinto la sua posizione di capo dell’influente Consiglio di sicurezza ed ha espulso molti di coloro che gli erano vicini da posizioni importanti.