Settembre 25, 2021

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

“Donte Plus 700” – L’Italia celebra il suo poeta nazionale DPA

R.Avenna (Dpa) – In questi giorni a Dante vengono moltissimi visitatori. La gente si mette in fila una mattina d’estate all’interno della tomba del poeta nazionale italiano, nel vicolo del centro storico di Ravenna, a lui intitolato.

Spesso turisti provenienti da altre parti d’Italia vengono a vedere il sarcofago in pietra e il rilievo del poeta all’interno della tomba. La maggior parte dei visitatori è molto attenta alla necessità della maschera corona, con la regola di meno di un metro di distanza.

Il 14 settembre ricorre il 700° anniversario della morte Dante Aligeris. Durante tutto l’anno l’Italia celebra “Sammo Boda” (“poeta supremo”) che ha creato un millennio attraverso “l’umorismo divino”. Mostre, convegni e seminari ricordano il poeta scomparso sette secoli fa e considerato il padre della lingua italiana.

Innumerevoli amici danteschi hanno letto il suo poema epico, che in 14.000 righe descrive un avventuroso viaggio attraverso la vita dopo la morte, attivando le conoscenze storiche, scientifiche e filosofiche della sua epoca, e coniugando l’intero soggetto con una innaturale storia d’amore.

Nell’antica città imperiale di Ravenna, sul mare Adriatico, Dante morì nel 1321 all’età di 56 anni, al termine di una vita movimentata. In realtà è di Firenze. Lì l’uomo nacque nel 1265 in italiano due euro, dove scrisse le sue prime opere, dove conobbe la sua amata d’infanzia Beatrice, che in seguito divenne un dio nella “commedia”.