Ottobre 23, 2021

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Dinosauri: ecco come i rettili preistorici hanno beneficiato dei vulcani

Scienza L’ascesa dei dinosauri

I rettili preistorici hanno beneficiato dei vulcani

Dinosauri come il triceratopo hanno beneficiato dei cambiamenti climatici causati dai vulcani

Dinosauri come il triceratopo hanno beneficiato dei cambiamenti climatici causati dai vulcani

Cowell: Getty Images / Biblioteca fotografica scientifica RF

A questo punto troverai contenuti da Podigee

Per interagire con o visualizzare contenuti da Podigee e altri social network, abbiamo bisogno del tuo consenso.

230 milioni di anni fa, i cambiamenti climatici hanno dato origine a nuovi gruppi di animali come i mammiferi. Soprattutto, hanno promosso l’emergere dei dinosauri. I ricercatori stanno ricostruendo il processo, con risultati sorprendenti.

NSI vulcani continui hanno alterato drammaticamente il clima 230 milioni di anni fa, consentendo così l’emergere di molti gruppi di piante e animali, inclusi dinosauri e mammiferi. Nell’arco di 1,6 milioni di anni, quattro potenti fasi eruzionistiche hanno provocato massicce emissioni di anidride carbonica nell’atmosfera determinando un sensibile aumento delle temperature, ma soprattutto delle precipitazioni. Un gruppo di ricerca guidato da Jason Hilton dell’Università di Birmingham ricostruisce l’evoluzione utilizzando l’analisi dei sedimenti nel nord della Cina In “Azioni” Accademia Nazionale delle Scienze degli Stati Uniti (PNAS).

Durante il Triassico – circa 250-200 milioni di anni fa – il cosiddetto Carnian-Beauval Event (CPE) ha cambiato radicalmente sia il clima globale che la flora e la fauna circa 233 milioni di anni fa. In meno di due milioni di anni molte specie scomparvero, mentre altre apparvero o si espansero notevolmente, come le moderne conifere e i dinosauri, coccodrillie tartarugaInsetti e mammiferi.

Leggi anche

un insetto

Il team di Hilton International ha ora analizzato i centri di perforazione nel bacino di Jiyuan, nel nord della Cina, alla ricerca di sedimenti che consentano di trarre conclusioni sui cambiamenti climatici in quel momento, sulle loro cause e conseguenze. A quel tempo il bacino era a nord-est Urkontinents Pangäa Era un enorme lago in cui si depositavano i sedimenti.

I ricercatori lo hanno esaminato a una profondità di 200-350 metri. Tra le altre cose, hanno analizzato i cristalli di zirconio in essi contenuti per la datazione e hanno utilizzato concentrazioni di mercurio (Hg) in particolare per determinare l’attività vulcanica e alcune tracce di spore, polline e alghe.

Campioni di polline, spore e alghe forniscono agli scienziati indizi sui primi cambiamenti nell'ambiente causati dall'attività vulcanica

Campioni di polline, spore e alghe forniscono agli scienziati indizi sui primi cambiamenti nell’ambiente causati dall’attività vulcanica

Fonte: Peixin Zhang

Leggi anche

Annunci

Di conseguenza, la crisi carnica (CPE) – la fase molto calda e piovosa – è iniziata circa 234 milioni di anni fa e si è conclusa 232,4 milioni di anni fa. I ricercatori citano l’intensa attività vulcanica come causa del fenomeno, presumibilmente nella regione vulcanica di Wrangellia, i cui resti si trovano ora nell’Alaska occidentale e nel Canada nordoccidentale.

Nel corso di 1,6 milioni di anni, il team ha identificato quattro fasi di eruzione. Secondo le analisi, ciascuno di essi ha portato a temperature e precipitazioni più elevate. Secondo stime prudenti, Wrangellia ha rilasciato circa 5.000 petagrammi (un miliardo di tonnellate) di carbonio dal mantello terrestre nell’atmosfera, ha scritto il team.

Il riscaldamento risultante – riferendosi a studi precedenti, i ricercatori hanno parlato di circa 4-8 gradi Celsius – ha aumentato l’evaporazione e alterato le correnti d’aria globali e il ciclo dell’acqua. Il deflusso, intensificato da forti piogge, ha aumentato gli agenti atmosferici e l’apporto di nutrienti nell’acqua, che a sua volta ha portato a una mancanza di ossigeno lì.

Leggi anche

Anelli di crescita degli alberi Anelli di crescita degli alberi

Secondo i ricercatori, questi cambiamenti si riflettono non solo nel bacino del Gewan, ma anche in molte altre regioni del mondo, tra cui il bacino dell’Europa centrale, il bacino britannico del Wessex, nonché in Groenlandia, Marocco, Nord America e Argentina.

“Questo periodo relativamente lungo di attività vulcanica e cambiamenti ambientali ha avuto conseguenze disastrose per gli animali sulla Terra” La biologa emergente Emma Dunn L’Università di Birmingham, che non era coinvolta nel lavoro, è stata citata in una dichiarazione del college. “All’epoca, i dinosauri stavano appena iniziando a diversificarsi. Senza questi eventi, probabilmente non avrebbero raggiunto il dominio ecologico che vediamo per i prossimi 150 milioni di anni”.

READ  Il raffreddore precedente ha migliorato la risposta immunitaria al coronavirus: una pratica di guarigione