Gennaio 27, 2022

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Corona in Baviera: una situazione ingannevole in terapia intensiva – Bavaria

È una pausa nella lotta contro il coronavirus dopo che i tassi di infezione sono diminuiti di nuovo in tutta la Baviera? O è la calma prima della prossima tempesta che si prepara sotto il nome di Omikron? Attualmente stai cercando invano una risposta chiara a queste domande: i numeri nel registro della terapia intensiva Divi indicano l’occupazione giornaliera dei reparti di terapia intensiva, soprattutto con pazienti Covid, e che la situazione negli ospedali bavaresi si è un po’ allentata. Ma non può esserci una domanda chiara per tutti.

“I numeri attuali sono fuorvianti per due motivi”, ha detto a dpa l’esperto di corona Clemens Wendtner, direttore medico della clinica Schwabing di Monaco. «D’altra parte bisogna chiedersi quanto sono affidabili, e anche perché le persone hanno meno probabilità di essere testate e c’è un numero imprecisato. D’altra parte, c’è il rischio di trarre da loro una conclusione: tutto è ottimo, possiamo rilassarci durante le vacanze, ce lo meritiamo”.

Secondo il ministero della Salute bavarese, infatti, non esistono regioni o aree metropolitane che soddisfino i requisiti per la chiusura degli hotspot regionali. Si considera anche un’area con un’incidenza di sette giorni superiore a 1.000 per 100.000 abitanti. Solo poche settimane fa, questo era praticamente vero per l’intero Stato Libero del Sudest. Il tasso medio di infezione su sette giorni è ora di poco inferiore a 290 in tutte e sette le contee governative.

Sembra anche che la situazione nelle unità di terapia intensiva negli ospedali sia in declino. A partire dalle 12:15 di lunedì, l’Ufficio statale per la salute e la sicurezza alimentare (LGL) ha riferito che c’erano 881 letti di terapia intensiva in tutta la Baviera con casi confermati di Covid-19. – Un calo rispetto alla settimana precedente del 13,8%. È diminuito anche il numero dei malati di Covid 19 che ricevono cure in altri reparti ospedalieri: secondo LGL, è sceso del 18,6 per cento a 3.382. Tuttavia, le persone muoiono ancora per aver contratto il virus: l’ufficio dello stato ha finora registrato 19.035 morti nel Free State, 25 dei quali solo lunedì.

READ  Aurora boreale sulla Germania - paesaggio mozzafiato

Cosa si può osservare guardando le statistiche: anche se l’incidenza si discosta di nuovo relativamente lontano dai suoi valori massimi, è chiaro che questo sviluppo positivo non ha avuto effetti evidenti nei processi clinici. Il record di terapia intensiva di Divi per lunedì mostra 401 posti letto gratuiti aggiuntivi nelle unità di terapia intensiva rispetto ai giorni scorsi. Ma rispetto alla primavera, quando da metà aprile a metà maggio erano disponibili gratuitamente circa 1.500-1.700 posti letto di terapia intensiva, non si può ancora parlare di ripresa sostenibile.

È così che la vede Marcus Soder. Lunedì, dopo aver commutato un video dall’ufficio esecutivo del partito Csu, il primo ministro ha affermato che il fatto che i numeri in Baviera fossero bassi è un “buon passo intermedio”, ma che “il Corona non ci lascerà andare”. “L’onda delta si sta appiattendo, motivo per cui Omikron è proprio dietro l’angolo”. Ha chiesto un “testo chiaro” al governo federale su come procedere con l’epidemia e ripristinare la situazione epidemiologica di rilevanza nazionale. Soder ha affermato che con le possibili nuove misure per combattere il Corona, la Baviera “non si precipiterà in avanti”. Tuttavia, uno stato libero sosterrà le azioni che i governi federale e statale decidono insieme.