Gennaio 22, 2022

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Astronauta Matthias Maurer: le domeniche sono vuote anche nello spazio | regionale

Monaco – La domenica è anche un giorno di riposo nello spazio. Anche se non ci sono giorni della settimana…

L’astronauta tedesco Matthias Maurer, 51 anni, ha raccontato al presidente federale Frank-Walter Steinmeier (65, SPD) la sua vita sulla Stazione Spaziale Internazionale in un collegamento diretto.

Maurer ha detto che è stata una giornata rilassante. “A volte galleggio qui nella mia solitudine. Poi mi sento una piccola farfalla”.

+++ BILD è ora disponibile anche in TV! CLICCA QUI PER BILD LIVE +++

Steinmeier ha parlato con Maurer tramite un live switch. Sono stati inclusi anche bambini con malattie cardiache. Si sono seduti al German Museum di Monaco e nello Space Studio a Nohfelden nel Saarland.

I bambini con malattie cardiache hanno parlato con Maurer del Museo tedesco. Sei invitato dalla Children’s Heart Foundation

Foto: Bernd Wackerbauer / D

Maurer: “E’ un’esperienza di assoluta libertà”. Il programma settimanale si presenta così: durante la settimana si lavora, il sabato è l’ora delle pulizie e la domenica è l’ora del riposo. Proprio come la terra.

L’astronauta Maurer è attivo come ambasciatore per la Children’s Heart Foundation di Essen. La fondazione sostiene la ricerca e le famiglie per aiutare i bambini con malattie cardiache in Germania.

Durante il live switch, l’operaio edile del Saarland ha risposto alle domande di alcuni dei bambini colpiti, ad esempio se il cibo avesse un sapore diverso nello spazio e che cos’era la stazione spaziale.

Tuttavia, sulla Stazione Spaziale Internazionale sono stati condotti esperimenti che un giorno potrebbero aiutare i bambini con malattie cardiache, ha sottolineato Maurer. Perché ci sono cellule del cuore che possono crescere in uno stato di assenza di gravità come nel corpo umano.

READ  L'epidemia ti impedisce di muoverti: i medici temono l'ulteriore diffusione della malattia