Gennaio 17, 2022

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Aspas vede il giallo per essersi tolto la maglietta, ma è davvero intelligente per una volta

Cartellino giallo per aver tolto la maglietta – davvero intelligente per una volta

Iago Aspas porta in vantaggio il Celta Vigo contro il Valencia, ma si fa male e sa di non poter continuare a giocare. Quindi si è tolto la maglia per vedere il suo quinto cartellino giallo stagionale, il che significa che sarà squalificato per la prossima partita.

06.12.2021

Molti appassionati di calcio si chiedono perché i giocatori si tolgono la maglia dopo aver segnato gol. Dopotutto, c’è un cartellino giallo. Nel caso di Iago Aspas, è davvero intelligente. Ma ora potrebbero esserci delle conseguenze.

È l’11’ del match tra Celta Vigo e Valencia (1:2) quando Iago Aspas porta in vantaggio i padroni di casa dopo una grande azione individuale. La gioia di questo 34enne è durata poco. Quando vuole allontanarsi per tirarli su di morale, Aspas sembra notare che si è tagliato. Eppure – o proprio per questo – si è tolto la maglia. Poi va a terra.

L’attaccante del Celta non ha alcun messaggio politico sullo stomaco, né addominali da presentare alla folla. Quello che ha Aspas, tuttavia, sono i quattro cartellini gialli che ha visto in questa stagione. Pochi istanti dopo il suo gol è stato nuovamente avvertito di togliersi la maglia. È il quinto giallo, il che significa che il nazionale spagnolo 18 volte sarà squalificato per una partita.

Quello che all’inizio sembra abbastanza stupido è una mossa intelligente dell’attaccante, che probabilmente sa in anticipo che non potrà comunque giocare il prossimo fine settimana – pochi istanti dopo lo sciopero potrebbe essere sostituito. Con l’infortunio tornato, Aspas può ancora una volta condurre duelli duri con la coscienza pulita.

La scena sta facendo scalpore in Spagna. Da un lato Aspas è celebrato per il suo lavoro intelligente, dall’altro circolano voci secondo le quali l’intera faccenda potrebbe avere conseguenze per l’attaccante. Sergio Ramos ha ricevuto un’ulteriore sospensione dalla UEFA nel 2019 a causa di una campagna simile in Champions League. È possibile che Aspas affronti un destino simile.

A proposito, Aspas non vuole sapere nulla di un avvertimento intenzionale. “Non ho avuto il tempo di pensarci. Mi dà fastidio perdere la prossima partita”, ha negato le accuse contro il canale televisivo “Movistar”. E Babbo Natale esiste già.