Settembre 20, 2021

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Arte moderna in Italia: si vive bene

Il Blessy Museum sull’Autostrada del Brennero e il Mart di Roveretto: possono nascere in questi giorni due insolite dimore italiane per l’arte moderna.

I musei di arte moderna contemporanea non sono esattamente luoghi speciali nel panorama culturale italiano. Si vedono brutte partenze considerando di averle a Torino, Milano, Prato, e anche a Bergamo e Roma. Ma aspetta: se entri in Italia attraverso il Brennero, potresti essere ipnotizzato due volte dai musei, anche se questi due sono in modi molto diversi, rispetto alle istituzioni più interessanti del genere.

Subito dopo il confine c’è uno straordinario museo che, per la sua posizione, non ha eguali al mondo. Venezia Fabricio Plessis ha da tempo acquisito fama internazionale con installazioni video di grandi dimensioni e, comparendo nel documento Cassell, ha vinto il video in più parti che aveva già realizzato otto anni fa durante l’Expo 2000 di Hannover. Ha costruito un proprio museo per celebrare l’acqua come “l’anima della natura”.

Blessy, di solito una metafora della natura, è essenziale per l’installazione di una spettacolare cascata, che cade a intermittenza, trasmessa digitalmente in un edificio appositamente costruito. L’impressione durerà. Questo artista è un aspirante. Il suo tentativo di vedere le forze della natura attraverso mezzi tecnologici non dovrebbe essere irritato. In una conversazione occasionale con lui abbiamo notato che se l’elettricità si spegneva, l’acqua corrente si fermava improvvisamente. Sorrise.

Se si prosegue verso sud, l’autostrada raggiunge Roveretto in due ore. Qui, da quando è stato fondato nel 1987, è di fatto un museo italiano paragonabile alle prime case europee. Nel 2002 è stata inaugurata la nuova sede del Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Roveretto, capolavoro dell’architetto svizzero impegnato a livello internazionale Mario Pota.

READ  Tendenza: seconde case in Francia e in Italia

L’accesso dal lato della strada interseca la serie di vecchi edifici con un focus privilegiato sull’armonia – quindi una spaziosa cupola alta cupola apre l’orbita, da cui l’ingresso effettivo allo spazio espositivo di 5000 metri quadrati si estende su quattro livelli. Opere d’arte, dipinti, sculture e installazioni raggiunte vedono molta luce in questo spazioso edificio; I singoli padiglioni possono essere ricostruiti in modo diverso utilizzando elementi di parete non permanenti.

Come la casa, la collezione è un dono divino. Ci sono buone ragioni per questo: Roveredo ha dato i natali a due artisti italiani di grande successo nella prima metà del XX secolo, entrambi i quali, Fosto Menotti e il futurista Fortunado DiBero, hanno lasciato i loro giardini alla cittadina – e in seguito incoraggiato i privati donatori a partecipare allo sviluppo della collezione. La mecenate più importante è Ileana Sonabend, proprietaria della New York Gallery, originaria della Romania e morta nel 2007, figura chiave nell’invenzione e nella promozione dei protagonisti delle espressioni astratte americane come Robert Raussenberg e Franz Kline negli anni Cinquanta. Le successive opere di Roveretto hanno lasciato la sua proprietà privata. Vittorio Sagarbi, controverso in Italia per le sue rudi abitudini e l’amicizia con Silvio Berlusconi, è attualmente il leader di Martin.

Nel mondo dell’arte italiano, economicamente più travagliato, Sgarbi è considerato un superficiale tiratore veloce. Ma riempie la casa, lunghe code non si formano solo nei fine settimana, ma dopo diversi mesi di chiusura si sente lo sforzo di consegnare il più possibile (forse anche di più in una volta) ai visitatori.

Roveretto ha ora cinque mostre contemporaneamente e l’eccesso non può essere preso sul serio. In mostra: Alcuni dipinti di Podicelli, come potrebbero aver menzionato i pittori successivi, presentano un concorso perché le abilità e le forme della visione del mondo di Dolly e Potticelli sono molto diverse; Interni scuri accanto alla giovane Tina Sacra.

READ  L'Italia festeggia i 700 anni del suo poeta nazionale

Ma poi, le quattro e le cinque proposte della curatrice Daniela Ferrari, le opere di Leonardo Gromonini e Carl Blatner, richiamano ognuna l’attenzione su di sé, ma combinando accuratamente le loro immagini si sprecano intorno a loro. Tematicamente, ad esempio, descrizioni di persone e soluzioni formali, c’è una vicinanza che collega i due – ma anche fasi di netta distanza.

Carl Plattner Elder è nato nel 1919 nel villaggio di Malles nella valle della Venosta alpina settentrionale italiana. Gromonini, classe 1925, è bolognese, dove è sopravvissuto a Blatner per 86 anni e un quarto di secolo. Studenti dell’Accademia d’Arte Ferra di Milano, dove si sono conosciuti negli anni ’40 e sono stati in stretto contatto per molti anni. Erano entrambi straordinariamente flessibili nel loro modo di vivere, non lavorando nello stesso posto, ciascuno, a volte per più di un anno, parcheggiando in aree remote da Parigi e New York a San Paulo e Rio.

“I Pittori della Solidutin” – Il titolo della mostra a Roverto si riferisce ormai più a Carl Blatner che a Cromonini. La continua nudità femminile, creata appositamente negli anni Sessanta, cattura il corpo delle donne sotto costrizione e dolore, mostrando la sorprendente capacità di Plattner di esprimere la sfacciata presenza umana.

Leonardo Gromonini – forse si potrebbe dire: Bologna, per il suo stesso aspetto, non è come la casa di Platt, ma un remoto villaggio in una remota valle delle Alpi – e vede la solitudine nella vita colorata. Le sue composizioni composte più precisamente, che ricordano David Hockney, sono più luminose del suo amico, e le finestre spesso esprimono una visione di una tendenza centrale e lussuriosa, e sarebbe bello se fossimo vivi. Per la segretezza e la riflessione del colore – ha bisogno di artisti, ha bisogno di musei dove possiamo incontrarli e il loro lavoro.

READ  Sondaggio: quale città dovrebbe ospitare Eurovision 2022 in Italia?

Blessy-Museo, Sul lato italiano dell’Autostrada del Brennero, è aperto tutti i giorni dalle 6:00 alle 22:00. www.autobrennero.it

Mart, Roveretto: la mostra Platiner e Cremonini fino al 26 settembre. www.mart.trento.it

Carl Blatner: “La bella addormentata”, 1972/73.

Collezione Collezione privata Ennio Casio, Bolzano