Gennaio 27, 2022

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Apple e Google giocano leali? Ecco perché ora le guardie del cartello stanno indagando

Apple e Google stanno prendendo provvedimenti contro il tracciamento. In realtà una buona notizia, ma ci sono dubbi sulle nobili intenzioni. Ora sono gli osservatori della concorrenza che decidono.

Oliver Wittelsbach

Lui segue

Apple affronta nuove difficoltà: l’antitrust polacco UOKiK sta verificando se i californiani con iOS Violare la legge sulla concorrenza. guidato ad aprile Una mela Introdotta una nuova misura di protezione dei dati volta a limitare il tracciamento degli utenti iPhone da parte degli inserzionisti digitali. Ciò richiede autorità della concorrenza sulla scena in molti paesi, dove la stessa Apple è nel settore della pubblicità.

“Vogliamo indagare se le azioni di Apple sono probabilmente volte a eliminare i concorrenti nel mercato della pubblicità personalizzata”, ha affermato il presidente di UOKiK Thomas Crostini. Quindi l’organismo antimonopolio non controlla se la tracciabilità e l’assegnazione annuncio pubblicitario Legale, ma se Apple sta abusando del suo potere di mercato. L’autorità potrebbe giungere a questa conclusione se Apple, in qualità di fornitore del suo sistema operativo e della rete pubblicitaria, ottiene un vantaggio rispetto ad altri fornitori di reti pubblicitarie.

Più o meno nello stesso periodo in cui è stato introdotto lo standard di protezione dei dati App Tracking Transparency (ATT), Apple ha iniziato a espandere la propria attività pubblicitaria nell’App Store. Gli sviluppatori di app inseriscono annunci lì per pubblicizzare file app Per attirare l’attenzione. secondo “Financial Times” La quota di mercato di Apple per gli annunci che portano all’installazione di app su iOS è triplicata dal 17 al 58% dopo l’introduzione della funzione di trasparenza del tracciamento delle app, e questo in soli sei mesi.

L’attacco alla protezione dei dati di Apple ha spazzato via la concorrenza e ha fatto prosperare la sua rete pubblicitaria

L'attività pubblicitaria di Apple è in forte espansione, mentre Facebook, Google, Snap e Co. stanno perdendo terreno.

L’attività pubblicitaria di Apple è in forte espansione, mentre Facebook, Google, Snap e Co. stanno perdendo terreno.Disegno: Financial Times

Gli inserzionisti si affidano sempre più alla rete pubblicitaria di Apple per pubblicizzare le app nell’App Store, con Apple che ora ha il meglio dati dalle reti pubblicitarie di Google, Sito di social network Facebook & Co forniture.

READ  Andermatt Samih Sawiris Orascom DH Hotel Rentals Sales

La ragione di questo sviluppo è chiara scrive «Der Standard»:

“Mentre Google, Facebook, Twitter o Snap hanno ricevuto informazioni fruibili e in tempo reale sul fatto che uno dei loro annunci abbia portato all’installazione di un’app, quei dettagli sono disponibili solo ora con un ritardo fino a 72 ore. Allo stesso tempo, non ci sono tali restrizioni sulla rete pubblicitaria di Apple e qui gli inserzionisti ricevono informazioni significativamente più dettagliate – e a questo proposito, molti hanno spostato i loro budget pubblicitari sull’offerta di Apple negli ultimi mesi. ”

Standard

Il Financial Times ha riferito in ottobre che la trasparenza dell’App Tracking (ATT) di Apple ha reso “cieco” il resto del settore pubblicitario nel mondo iOS. Apple ha completamente capovolto il mercato degli annunci per app in pochissimo tempo. È stato descritto dall’analista di Strachery Ben Thompson come uno dei “movimenti anticoncorrenziali più sorprendenti nella storia della tecnologia”.

Gli analisti di Evercore ISI presumono che “Apple guadagnerà effettivamente $ 5 miliardi dalla pubblicità quest’anno e quel valore crescerà fino a $ 20 miliardi nei prossimi tre anni”, scrive Deer Standard.

“Illusione di privacy”

Come il portale tecnologico TechCrunch menzionatoL’indagine delle autorità antitrust polacche segue un recente studio di Lockdown Privacy, che mette in dubbio l’efficacia dell’App Tracking Transparency (ATT). Lo studio sostiene che il lavoro crea solo “un’illusione di privacy”. Sebbene la stragrande maggioranza dei possessori di iPhone abbia utilizzato la funzione per disattivare il monitoraggio delle app, Scopri gli esperti IT (ex ingegneri Apple)La nuova funzione dice “nessuna differenza” nel numero totale di tracker di terze parti attivi. I dati personali continueranno ad essere sfruttati, ma non è più facile assegnarli a nessuno.

I critici affermano che le contromisure di Apple al monitoraggio avevano lo scopo di mettere in svantaggio la concorrenza su iOS. Perché ATT influirà solo sul “tracciamento di terze parti”, ovvero se l’applicazione consente ad altre società di accedere direttamente alle attività degli utenti. Der Standard scrive: “La vasta raccolta di dati da parte dell’operatore dell’applicazione stessa, così come il suo collegamento tra molte applicazioni, non è vietata”.

READ  Quali ristoranti e trattorie sono maggiormente interessati dal certificato

Anche questo è il motivo google browser Con l’introduzione dell’app, tieni traccia della trasparenza con le critiche. ATT preferisce le grandi aziende perché possono imparare molto sugli utenti direttamente attraverso le proprie applicazioni, mentre i piccoli inserzionisti raramente ricevono altri dati. In definitiva, nessuno ne trarrà vantaggio “come il launcher del sistema operativo stesso, specialmente se esegue anche l’App Store”.

Il commissario per la tecnologia dell’Unione europea Margrethe Vestager ha messo in guardia Apple a luglio contro la restrizione della concorrenza nell’App Store negli annunci pubblicitari per l’installazione di app con il pretesto di proteggere la privacy.

La scorsa settimana ha sottolineato Rapporto del Financial TimesChe Apple avrebbe potuto raggiungere una “tregua silenziosa” con gli inserzionisti. Secondo il rapporto, Apple sta interpretando la politica ATT in modo più flessibile per consentire a terzi di continuare a raccogliere enormi quantità di dati personali purché i dati siano anonimi e non collegati a specifici profili utente.

Google sta uccidendo i cookie, ma…

Recentemente, ci sono state anche critiche a Google secondo cui le sue misure anti-tracking pianificate in Chrome discriminano altri fornitori di reti pubblicitarie. Come promemoria, nel marzo 2021, Google ha annunciato la fine della pubblicità personalizzata. Volevano bloccare i cookie di terze parti dal 2022, perché volevano un “web sano e prospero con una protezione completa dei dati”, come è stato detto all’epoca. Sembra simile alla promessa di privacy di Apple, ma anche qui non si tratta solo di privacy, si tratta di un sacco di soldi. In particolare, chi ottiene l’importo della torta pubblicitaria.

Invece del tracciamento e della pubblicità personalizzata, in futuro Google si affiderà alla propria tecnologia (FLOC) per la pubblicità di gruppo. In futuro, solo l’operatore del sito web dovrebbe sapere chi visualizzarlo. “I dati non finiscono nelle reti pubblicitarie, ma vengono archiviati localmente nel browser. Chrome quindi raggruppa le persone con interessi simili in gruppi (gruppi modello), in base ai quali possono essere visualizzati gli annunci”, Süddeutsche Zeitung spiega la nuova tecnologia pubblicitaria.

I concorrenti sospettano che Google voglia pubblicare annunci basati su gruppi perché, a differenza di altre società, non si affidano più a cookie di terze parti. I critici si lamentano che anche Google stia essenzialmente limitando la concorrenza con le nuove tecnologie. L’organizzazione per i diritti civili degli Stati Uniti EFF ha persino parlato di uno di loro “un’idea terribile”.

READ  Le aziende cinesi di auto elettriche sono le più competitive, secondo il CEO di Tesla teslamag.de

Nel Stati Uniti d’America e Gran Bretagna Quindi determinare le autorità antitrust. Google ha posticipato la fine dei cookie di terze parti al 2023 dopo pesanti critiche. Come Apple, anche Google sostiene che le misure anti-tracking non riguardano il guadagno personale, ma il soddisfacimento di un desiderio di privacy.

“Indipendentemente dalle motivazioni di Google, una rete senza cookie di terze parti sarebbe una buona notizia per la maggior parte delle persone”, riassume la “Süddeutsche Zeitung”Tuttavia, questo non cambia uno dei mali fondamentali del capitalismo della sorveglianza:

“L’idea sbagliata che la pubblicità personalizzata sia il Santo Graal della pubblicità online. Ora ci sono molti esempi che mostrano che la pubblicità basata sul contesto può funzionare meglio della pubblicità basata sul comportamento. Quindi, gli annunci non sono adattati ai presunti interessi dei visitatori, ma sono basati sul contenuto del sito web.

Giornale del sud della Germania

Con materiale di SDA, AWP e Reuters.

Il Volla Phone ti restituisce il controllo dei tuoi dati

1/17

Il Volla Phone ti restituisce il controllo dei tuoi dati

Ora dobbiamo eliminare tutto WhatsApp o cos’è in realtà?

Potrebbero interessarti anche: