Gennaio 27, 2022

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Al via il primo studio clinico che utilizza un vaccino spray nasale contro il morbo di Alzheimer

Il vaccino contro l’Alzheimer contiene una proteina chiamata proteolina. Si ottiene dai batteri e stimola il sistema immunitario. È stato originariamente sviluppato come booster per altri vaccini. È stato dimostrato che la sola protulina stimola le cellule immunitarie dei linfonodi del collo e del collo a migrare al cervello e rimuovere i depositi di beta-amiloide che sono tipici della malattia di Alzheimer.

Negli ultimi 20 anni, c’è stata una crescente evidenza che il sistema immunitario svolge un ruolo importante nell’eliminazione della beta-amiloide. Ha detto il professor Dr. Chitney di Tanuja.

Nello studio clinico, a 16 partecipanti di età compresa tra 60 e 85 anni con sintomi della malattia di Alzheimer sono state somministrate due dosi del vaccino per via intranasale ogni settimana. L’obiettivo principale dello studio di Fase 1 è stabilire la sicurezza e la tollerabilità del vaccino. Il team di ricerca misurerà anche l’effetto della proteolina sulle risposte immunitarie dei partecipanti.

“L’inizio del primo studio sull’uomo che utilizza un vaccino nasale contro l’Alzheimer è una pietra miliare. Negli ultimi due decenni, abbiamo accumulato prove precliniche che indicano il potenziale di questo vaccino nasale. Se gli studi clinici sull’uomo dimostrano che il vaccino è sicuro ed efficace , può essere somministrato precocemente per prevenire la malattia di Alzheimer nelle persone a rischio” Howard L. Weiner, condirettore del Centro per i disturbi neurologici del Brigham and Women’s Hospital di Boston.

READ  Tempeste e pioggia minacciano qui - mostrando ben 20 gradi lì