Ottobre 23, 2021

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

30 anni di una mummia glaciale: come è morto Ötzi?

NSNel vento fresco e umido, le nuvole si spostano sul fiume Tisenjoch. Si potrebbe pensare che l’atmosfera sia quella giusta per visitare il luogo dove 30 anni fa fu trovata una mummia perfettamente conservata, la parte superiore del corpo sciolta dal ghiaccio, dagli escursionisti in questo passaggio tra l’Ötztal del Nord Tirolo e l’Alto Adige Val Senales. Ötzi, dove i giornalisti austriaci hanno battezzato il defunto di 5.300 anni, ha fatto scalpore e lo è ancora oggi. Il ritrovamento del tardo Neolitico continua ad essere una fonte di nuove conoscenze per paleontologi, archeologi, medici, ricercatori di mummie, microbiologi e altre discipline scientifiche. Allo stesso tempo, è diventato più che mai l’obiettivo di un marketing redditizio. È chiaro che gli interessi a volte entrano in conflitto tra loro.

Ci sono – solo un piccolo gruppo per fare un esempio – eventi sportivi come questo Otzi Alpine Marathon, Ötzi Trail e Ötztaler Cycle Marathon, che ovviamente esistono da 40 anni, ma da tempo sono conosciuti come “Ötzi”. Il marchio ha anche trovato la sua strada nel settore dell’intrattenimento. Uno dei musicisti si fa chiamare DJ Ötzi. C’è un film potente sulla vita e la morte di “The Snowman”. La città di Umhausen in Ötztal ha un “villaggio Ötsee” simile a un museo che riceve fino a 50.000 visitatori all’anno. Fino a 300.000 visitano ogni anno la stessa mummia (se Corona non chiude tutto), esposta in una teca di vetro al Museo Archeologico del capoluogo altoatesino di Bolzano. Poiché l’ex edificio della banca è troppo piccolo per l’afflusso, c’è attualmente un acceso dibattito su una soluzione successiva.

READ  Un nuovo studio mostra: Marte era troppo giovane per trattenere l'acqua in modo permanente

Insegnante di musica veronese?

Al contrario, gli inizi furono pieni di ostacoli. Quando gli escursionisti di montagna Helmut ed Erika Simon di Norimberga hanno visto un corpo umano emergere dal ghiaccio il 19 settembre 1991 a un’altitudine di circa 3.200 metri, hanno denunciato la cosa al proprietario della vicina casa Similaunhütte, che a sua volta ha denunciato la cosa alla polizia a Sölden nell’Ötztal austriaco. Copie dei primi verbali della polizia si trovano nel museo di Umhausen: in un primo momento si pensò alla vittima di un “incidente alpino di tanti anni fa”, forse un professore di musica veronese che fu denunciato come “scomparso” nel 1938. No, fu Fu sepolto nel 1952, secondo un’appendice manoscritta. Fonte: Carabinieri.

La polizia italiana è stata coinvolta perché il morto era quasi al confine tra i due paesi. In un primo momento la parte italiana ha alzato le spalle, per così dire, perché gli austriaci credevano che fosse dalla loro parte e che fossero responsabili del salvataggio. Quando la mummia divenne famosa, fu trasferita a Bolzano nel 1997 dopo una lunga disputa. Anche la famiglia Simmons ha dovuto lottare per il proprio diritto di essere considerata un cercatore di Otzi. Infine, Erica Simon (suo marito stesso è morto tragicamente in un incidente alpino) ha ricevuto una taglia dallo stato dell’Alto Adige.

Nel 2010, gli scienziati hanno esaminato la mummia del ghiacciaio


Nel 2010, gli scienziati hanno esaminato la mummia di 5000 anni del ghiacciaio Ötzi e hanno prelevato campioni del suo contenuto dello stomaco.
:


Foto: dpa


Poiché stavano ancora pensando alla vittima di un recente incidente quando sono stati soccorsi, si sono fatti avanti brutalmente, liberando la mummia con le vesciche e rompendogli gli arti. “Se gli archeologi fossero stati lì, sarebbe stato chiaro che la situazione doveva essere ritagliata dal ghiaccio in un blocco”, afferma l’archeologo Walter Leitner di Innsbruck, che all’epoca non era coinvolto. Il recupero in sé non è stato del tutto neanche professionale Dopotutto, no Viene eseguita un’autopsia o addirittura viene eseguita una cremazione pianificata, altrimenti oggi si dovrà affrontare altri argomenti.