Luglio 31, 2021

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Le restrizioni ai viaggi in Italia colpiranno gli studenti indiani

Paniram Verma ha completato il suo Master in Ingegneria dell’Automazione Industriale Università di Pavia Attualmente lavora come project manager a Piacenza, una città del nord, vicino a Milano nell’ottobre 2020 Italia.
Aveva deciso di non tornare in India quando il governo indiano ha espulso centinaia di studenti indiani dall’Italia lo scorso anno a seguito delle micidiali ondate del governo 19 in un paese europeo. Sebbene la maggior parte dei suoi amici indiani abbia lasciato Bhavia l’anno scorso, Verma non si è pentito della sua decisione di tornare.
“Da quando c’è una seconda ondata di Govt-19 in India, c’è il divieto di viaggio, gli studenti indiani che non possono tornare in Italia mancano le lezioni e stanno perdendo il lavoro. La situazione in Italia, invece, sta tornando alla normalità “, ha detto a TIMESOFINDIA.com. “Come le università offrono vaccini gratuiti a tutti, comprese le classi universitarie e gli studenti del governo italiano”.
A Verma mancava la sua famiglia a Hyderabad, ma era difficile pianificare un viaggio in India. Non ci sono voli diretti da Milano al subcontinente, e al ritorno è richiesto un isolamento separato. Ha avuto una sfida con le lezioni online prima della laurea l’anno scorso e ha dovuto presentare la sua tesi online. Ma le cattive condizioni di salute, la scarsa istruzione per gli studenti stranieri e i finanziamenti di emergenza forniti dal governo italiano hanno continuato ad affliggere Verma.
“Viaggiare in India l’anno scorso non è stata una buona idea, non lo è ora. Rimanendo qui, sono al sicuro e anche la mia famiglia è in India”, ha spiegato.
Vershen Reddy, che si è laureato con un master in amministrazione aziendale presso l’Università di Roma presso l’Università di Roma nell’aprile 2021, è tornato in Italia dalla sua casa di Hyderabad nell’ottobre dello scorso anno.
“Sono tornato a febbraio 2020 per il matrimonio di mio fratello, ma grazie al divieto di viaggio e al fatto di poter tornare in Italia prima della seconda ondata di epidemie in India. Grazie al mio visto da studente ho un anno per cercare lavoro “Qui le condizioni di lavoro e di contagio sono migliori”, ha detto. Ha detto che Reddy è in Italia dal 2018.
A marzo 2020, secondo il Ministero degli Affari Esteri, c’erano circa 1.500 studenti indiani in Italia. Il numero totale di indiani in Italia è stimato a 200.000, il che lo rende il più grande immigrato indiano nell’Europa continentale.
Molti studenti indiani scelgono l’Italia per corsi post-laurea di alta specializzazione in moda e design e corsi di gestione di marchi di lusso perché il paese europeo è la patria di molte case di stilisti famosi. Attraverso stage e lavori estivi, gli studenti possono ottenere un’esposizione a tali marchi e designer di lusso.
Ci sono diverse importanti università nei campi di Architettura e Design, UI/UX Design, Nuove Tecnologie, Agricoltura, Conservazione e Restauro dei Beni Culturali, Cinema, Danza, Teatro e Studi Musicali Avanzati. Il fattore economico attrae anche studenti indiani, poiché il governo italiano offre molti aiuti finanziari, borse di studio e borse di studio a studenti internazionali. Le tasse scolastiche nelle università pubbliche vanno da € 900 a 4 4.000 all’anno, mentre le spese di soggiorno degli studenti vanno da € 800 a 1.500 a 1.500 con alloggio condiviso, vitto e trasporto.
Dall’aprile dello scorso anno, quando l’Italia è stata duramente colpita dall’epidemia, il numero degli studenti indiani è crollato. Ora, con un severo divieto di viaggio e il paese che non riconosce i vaccini indiani, i numeri di quest’anno potrebbero essere molto più bassi. Ma per molti come Verma, tasse scolastiche basse, accesso a borse di studio e opportunità di lavoro sono un fattore a lungo termine che spingerà indietro gli studenti indiani man mano che la situazione epidemica migliora.
Ambika Subash si reca a Milano a settembre 2020 per conseguire un Master in Gestione delle Risorse Umane Università degli Studi di MilanoHa ricevuto un ottimo equilibrio tra borse di studio e lavori part-time. “L’anno scorso, quando l’Italia è stata rinchiusa a causa del governo 19, gli studenti sono stati pagati 400 dollari al mese perché non riuscivamo a trovare lavoro. È stato un grande aiuto”, ha detto.
Dopo aver ricevuto la seconda dose di vaccino ad agosto, Subhash spera di fare un breve viaggio nella sua città natale di Bangalore perché, da studente, ha la cittadinanza italiana.
Tuttavia, per molti studenti indiani che sono tornati a casa dall’Italia durante la seconda ondata di governo in India, e per altri che sono stati ammessi alle università italiane nel 2021, la situazione non è stata incoraggiante.
Sanjay Misra selezionato per il Master in Forestry and Natural Resource Management Università di Padova L’anno scorso, si chiedeva se poteva arrivarci prima dell’inizio delle sue lezioni, il 15 settembre. “Il divieto di viaggio dell’Italia in India non è stato revocato e gli studenti come me nel nord dell’India non hanno nemmeno potuto presentare le nostre domande di visto. VFS, La società che si occupa del trattamento dei documenti “, ha detto. Dopo aver inviato tutti i documenti, il processo per il rilascio di un visto per studenti può richiedere fino a tre settimane. ”
Misra è anche preoccupato che il governo italiano non abbia approvato nessuno dei vaccini del governo indiano 19. Misra, destinatario della borsa di studio Erasmus Mundus Joint Master di 000 49.000, che include viaggio, istruzione e indennità personali per due anni – non può rinviare il suo corso all’anno prossimo. E iniziare le lezioni online può essere difficile perché l’area in cui sta studiando richiede un lavoro di laboratorio. Le e-mail ripetute all’Ambasciata italiana in India e alla Missione indiana in Italia non gli hanno dato finora molta fiducia.
Il 18 giugno, il Ministero della Salute italiano ha esteso le restrizioni ai passeggeri che soggiornano o viaggiano attraverso l’India negli ultimi 14 giorni fino al 30 luglio. Inoltre, anche gli esentati dalle restrizioni devono sottoporsi a screening e isolamento obbligatori degli hotel Covid-19 designati all’arrivo in Italia.
Nel frattempo, il 26 giugno, l’Italia ha permesso ai suoi residenti o cittadini con un record di italiani residenti all’estero di lasciare il Paese dall’India. Tuttavia, non vi è stato alcun aggiornamento ufficiale sulla scadenza prevista per la revoca del divieto di viaggio.

READ  I biglietti ISL saranno in vendita a Napoli, in Italia, per la stagione regolare 2021